Luino | 22 Febbraio 2020

Frontalieri, al lavoro per eliminare le code sulla statale tra Luino e Maccagno

Nella riunione di ieri ok all'implementazione del verde ai sensori tagliacode in direzione Luino, al rientro dei frontalieri, e l'uso dei movieri nelle ore più critiche

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Sono continuati anche nel tardo pomeriggio di giovedì i disagi lungo la Strada statale 394, tra Luino e Maccagno con Pino e Veddasca, nei pressi dei cantieri Anas, dove si sta intervenendo per riqualificare i viadotti vicino alla galleria di Colmegna Nord. Il problema era sempre legato ai sensori tagliacode presenti nella zona dell’impianto semaforico che regola la circolazione e il deflusso delle automobili.

La criticità, che si protraeva da giorni, riguardava la regolazione del verde in direzione Maccagno-Luino, in uno dei momenti in cui i frontalieri facevano rientro dal posto di lavoro oltreconfine. Per questa ragione ieri mattina i rappresentanti del Comune di Luino, di Maccagno con Pino e Veddasca e delle forze dell’ordine hanno incontrato i responsabili della ditta incaricata per capire il da farsi e provare a porre rimedio a questa situazione che in quest’ultima settimana sta causando evidenti disagi a tanti automobilisti, soprattutto frontalieri.

“Sono state effettuate della sperimentazione in questi giorni – commenta il sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca, Fabio Passera -, per provare a porre rimedio alle lunghe code creatisi per il rosso dei semafori a Colmegna. Abbiamo indicato la volontà di tornare a far andare i sensori tagliacode dando priorità al verde verso Maccagno di mattina e al verde verso Luino nel pomeriggio, in entrambi i casi per l’orario in cui i nostri frontalieri si muovono verso il Ticino e fanno rientro nelle loro abitazioni. Già da ieri il deflusso è migliorato, anche grazie all’utilizzo di movieri, che ha permesso il passaggio dei veicoli in modo più uniforme”.

Sul banco degli imputati, però, soprattutto tra gli automobilisti, pare essere anche la viabilità nel paese lacustre: da anni, infatti, gli agenti della Polizia Locale di Luino sono impegnati a gestire il traffico, a partire dalle ore 17, lungo la litoranea lacustre che taglia il paese dalla rotonda dell’Ulivo fino a piazza Garibaldi.

Proprio in ingresso a Luino, infatti, si formano lunghe code, anche a causa dell’arrivo degli altri frontalieri, con provenienza dal luganese, che percorrendo la dogana di Fornasette, giungono nel centro cittadino percorrendo da via Sbarra, che si incrocia proprio con la SS394.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127