Germignaga | 20 Gennaio 2020

“La moltitudine inarrestabile”, storie di accoglienza locale a Germignaga

Riprendono venerdì gli incontri della rassegna culturale a cura di diverse associazioni luinesi. Andreas Formiconi racconterà la nascita del progetto Scuolina

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Proseguono all’ex Colonia elioterapica di Germignaga gli incontri inseriti del ciclo “La moltitudine inarrestabile“, iniziativa promossa dall’associazione Aurora, da GIM – Terre di Lago, Pressenza Italia e Costruttori di Pace Onlus.

Storie dal nuovo mondo” riprende venerdì, 24 gennaio, in compagnia di Andreas Formiconi, che a partire dalle 20.30 racconterà la vicenda iniziata con l’insediamento di un centro di accoglienza straordinaria in un piccolo paese della campagna fiorentina. Ad una violenta reazione popolare è seguita una contro reazione da parte di un gruppo di cittadini, sfociata poi in una serie di azioni di auto formazione e in una scuola bisettimanale di lingua e cittadinanza italiana, che dall’agosto 2017 ad oggi non ha mai subito interruzioni.

La cosiddetta “Scuolina” si è ispirata al modello di Barbiana, l’esperienza sperimentale di educazione avviata da don Lorenzo Milani verso la metà degli anni Cinquanta, che produsse in tutta Italia un intenso dibattito attorno agli strumenti pedagogici e alle relative funzioni.

I progetti sorti intorno a questa iniziativa spontanea e la rete di relazioni che si è sviluppata conseguentemente hanno portato alla creazione della cosiddetta mappa della positività, una crowdmap che raccoglie storie di accoglienza, da quelle minime familiari a quelle create da associazioni o organizzazioni più grandi. La mappa testimonia la dimensione locale delle singole storie, ognuna unica nel suo genere, rivelando al tempo stesso la dimensione globale di una potente e pervasiva spinta all’attenzione per l’altro che si manifesta in tutti i popoli.

È così che dal piccolo paese di collina, la mappa si è estesa al territorio toscano, a quello nazionale per giungere infine alla dimensione europea. La mappa può essere usata per azioni di contrasto alla narrazione distorta e declinata sul negativo prevalentemente offerta dai media e dagli agenti politici.

L’incontro sarà un’occasione per confrontarsi con le esperienze di accoglienza presenti nel territorio dell’Alto Verbano e per la loro inclusione nella mappa della positività.

Prima dell’incontro, a partire dalle 19.30, i partecipanti troveranno ad attenderli un apericena a cura di Ekonè. La conferenza è collegata ad un altro appuntamento con il cineforum di Grantola, che si terrà il mercoledì 29 gennaio, alle ore 21.15, con “L’ospite inatteso”, dove si approfondirà il tema dell’accoglienza trattato nella conferenza.

Per ulteriori informazioni sul progetto visitare il sito www.lacanet.org.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127