Luino | 14 Novembre 2019

Sei un’impresa e stai pensando di acquistare un intero stabile da ristrutturare e rivendere?

Insubria Case ti ricorda che il Decreto Crescita 2019 ti dà la possibilità di acquisire immobili entro il 31 dicembre 2021, con regime fiscale agevolato

Tempo medio di lettura: 2 minuti

“Un’agenzia di intermediazione immobiliare tradizionalmente si occupa di acquisizione e vendita di immobili, ma la presenza sul mercato da più di vent’anni, la conoscenza delle normative in materia di compravendita e di tassazione, la collaborazione con professionisti competenti nel settore legale e fiscale ci permette di fornire ai nostri clienti, siano essi privati o imprese, anche informazioni di carattere tecnico“. Così interviene Giusi Gallipoli, titolare di “Insubria Case”.

A tale scopo l’agenzia immobiliare “Insubria Case” di Luino, infatti, ha aperto da qualche mese un blog online in cui pubblica notizie, consigli e curiosità sul mondo della casa.

Oggi si rivolge alle imprese per ricordare un’importante opportunità offerta dal DL crescita 2019 (DL n. 34/2019) che introduce un regime di tassazione agevolata nell’applicazione delle imposte di registro, ipotecarie e catastali.

Obiettivo primario è quello di rendere economicamente sostenibili le operazioni di valorizzazione edilizia e rigenerazione urbana consentendo di reimmettere sul mercato immobili con caratteristiche energetiche e strutturali migliorate rispetto alla situazione preesistente.

Vediamo innanzitutto, chi sono i destinatari? Imprese di costruzione o di ristrutturazione immobiliare che acquistino interi stabili.

Nello specifico entro i 10 anni dall’acquisto dovranno provvedere:
alla demolizione e ricostruzione degli stessi, anche con variazione volumetrica rispetto al fabbricato preesistente ove le norme urbanistiche vigenti lo consentano;
agli interventi di manutenzione straordinaria, di restauro e di risanamento conservativo, nonché agli interventi di ristrutturazione edilizia, come definiti dal TU edilizia (D.P.R. n. 380 del 2001, articolo 3, comma 1, lettere da b) a d));
alla ricostruzione in chiave antisismica;
al conseguimento della classe energetica A o B;
alla vendita.

Cosa si intende ai fini dell’applicazione della norma, con imprese di costruzione e di ristrutturazione immobiliare? La norma non prevede limiti sulla forma giuridica dell’impresa, può quindi trattarsi indistintamente di impresa individuale o di società edilizia.

In cosa consiste il regime agevolato? Fino al 31 dicembre 2021 imposte di registro, ipotecarie e catastali calcolate in misura fissa di 200,00 euro ciascuna. Nel concreto il Decreto Crescita 2019 ha introdotto un’agevolazione temporanea di importante entità, relativa alle imposte d’atto (registro, ipotecarie e catastali) che vengono quantificate in misura fissa pari a 200,00 euro ciascuna, per un importo complessivo di 600,00 euro.

Qual è l’evidente vantaggio rispetto al regime ordinario? La normativa vigente prevede che l’acquisto di un edificio effettuato da parte di un’impresa con atto fuori campo IVA è assoggettato a imposta di registro nella misura del 9% sul valore dell’immobile dichiarato nell’atto, oltre le imposte ipotecarie e catastali nella misura fissa complessiva pari a 100 euro.

In caso di acquisto di un fabbricato strumentale soggetto a IVA (o in regime di esenzione), invece l’imposta di registro è dovuta in misura fissa, mentre le imposte ipotecarie e catastali sono applicate rispettivamente nella misura del 3% e dell’1%.

Attenzione: stiamo parlando di imposte indetraibili che incidono in misura significativa sui costi di costruzione.

Vi abbiamo incuriosito? Se è così affrettatevi ad approfondire la materia, chiamando il numero 0332 180 0121, consultando il sito internet o la Pagina Facebook.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127