Luino | 6 Novembre 2019

Neuropsichiatria Infantile di Luino, “I problemi nel servizio per i nostri figli durano da anni”

A segnalare la situazione di disagio, tra precarietà nelle figure professionali e percorsi seguiti dai bambini, sono alcuni genitori. "In tanti in lista d'attesa"

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Dopo le parole del Comitato Pro Ospedale di Luino, che lamentava alcune criticità nel reparto di Neuropsichiatria Infantile, e le rassicurazioni dell’ASST dei Sette Laghi che invece, nonostante non evidenziasse problemi di organico, aveva annunciato come non ci fossero disagi garantendo il servizio continuativo, oggi a precisare la loro esperienza per quanto concerne il servizio sanitario luinese sono alcuni genitori, di oltre 120 bambini pazienti residenti nell’alto Varesotto.

Le problematiche con il personale, fanno sapere questi i genitori luinesi, sono iniziate ben quattro anni fa, quando l’unica fisioterapista andò in pensione. La sua sostituzione avvenne dopo svariati mesi e fu inserita con una nuova figura, ma assunta con contratto a termine rinnovabile di anno in anno. “In quell’occasione noi genitori facemmo sentire la nostra voce, visto che nel lungo periodo di assenza le cure sono state a carico delle famiglie”, commentano.

Dopo sette mesi senza servizi – spiegano -, in tanti di noi si sono mossi privatamente. Nessun bambino, inserito nella neuropsichiatria, può stare senza terapia per lungo tempo. In tenera età infatti il rapporto di fiducia che si crea con il dottore o l’educatrice non è istantaneo, ci vogliono mesi, e i bambini non si fanno toccare da tutti. Per questo il primo problema è la continuità del servizio, dando contratti stabili e indeterminati a validi esperti che sono fondamentali per tutte le famiglie, la nostra quotidianità e il progresso dei nostri figli”.

“A settembre noi genitori – continuano le mamme e i papà – siamo stati informati dell’imminente scadenza di alcuni contratti, per i quali non si prospetta ancora una prosecuzione. A causa di questa incertezza l’unica neuropsicomotricista presente a Luino ha accettato un altra offerta di lavoro. L’azienda sanitaria ha sì trovato un’altra persona, ma le sue ore di servizio coprono le ore di tutti i bambini? E che dire dei nuovi rapporti di fiducia e conoscenza con i bimbi che si devono ricostruire?”. Per i genitori sarebbe fondamentale, infatti, che tutte le figure (logopedista, psicomotricista, fisioterapista) non abbiano un contratto precario.

Questo comporta a noi – proseguono ancora i genitori – tanti problemi che si ripercuotono nella vita di tutti i giorni, come i rapporti in casa e con la scuola, che necessita tutte le autorizzazioni possibili per garantire alcuni servizi di sostegno fondamentali per i bambini. Ad esempio la neuropsicomotricista, che per noi è a dir poco una figura fondamentale ed è rara da trovare nel settore pubblico, lo ribadiamo, non può avere un contratto precario. Queste scelte aziendali ricadono sulla nostra vita, ed ogni giorno dobbiamo combattere con questi problemi”.

Siamo stati costretti, per questa ragione, anche ad andare altrove – commenta una tra le mamme intervenute -, per fare in modo che nostra figlia ricevesse le cure del caso senza interrompere i progressi. Ci sono cento bambini oggi seguiti dal reparto di Neuropsichiatria Infantile di Luino, senza contare i tanti inseriti nella lista d’attesa, ad oggi costretti ad andare privatamente. Non tutte le famiglie hanno questa possibilità economica. Con tutti questi problemi, dov’è il diritto alla salute per i bambini? Dov’è la continuità del servizio? È normale dover fare più di cento chilometri per una visita? Se ad un piccolo si toglie un’amica confidente per lei indispensabile, quanto ci mette poi a ricostruire il rapporto? Vi rendete conto di quanto sia dannoso bloccare il lavoro, la loro progressione psicologica e il rapporto che si crea con la famiglia?”.

Più che una denuncia, il tono dei genitori è quello di persone che si appellano alla dirigenza sanitaria per garantire un futuro migliore ai loro figli, con l’obiettivo di far costruire loro una vita che, in ogni caso, vale sopra qualsiasi cosa.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127