Castelveccana | 26 Settembre 2019

“Chi l’ha visto?” a Caldè, sulle tracce di Massimo Grasso

La trasmissione di Federica Sciarelli è tornata ieri a parlare dell'uomo con un servizio andato in onda in prima serata. La scomparsa risale al luglio scorso

Il desiderio di riunire la famiglia dopo le vacanze estive, in seguito alla separazione che aveva diviso sentimentalmente la coppia – comunque sempre in stretto contatto per via dei tre figli – un’ultima telefonata proprio all’ex compagna e poi Massimo Grasso, quarantasei anni, residente a Varese, scompare nel nulla.

Dell’uomo, descritto come mite, gentile e lavoratore impeccabile, non si hanno più notizie da quasi due mesi, ma la sua vicenda si è trasformata in un caso pochi giorni dopo l’allontanamento. Un caso che coinvolge l’alto Varesotto e il lago Maggiore, del quale ieri sera è tornata a parlare la trasmissione televisiva Chi l’ha visto? nel corso della puntata settimanale in prima serata.

Le telecamere del programma condotto da Federica Sciarelli sono ripartite da Caldè, frazione di Castelveccana, per riassumere i tratti salienti della vicenda. E’ la sera del 31 luglio scorso, l’uomo è atteso dai genitori per cena ma con una seconda chiamata, dopo quella all’ex moglie che si trovava al mare con i bambini, avvisa la madre che non sarebbe tornato.

Le comunicazioni si interrompono ma alcuni giorni dopo, sabato 3 agosto, l’auto di Massimo – una Citroen C3 di colore rosso – viene ritrovata in una strada della piccola frazione, poco distante dalle Fornaci. Un luogo che la famiglia non conosce e non frequenta, dice la moglie nel servizio andato in onda ieri sera. Nell’abitacolo ci sono le chiavi, c’è il portafogli e anche il cellulare. Ma di Massimo nessuna traccia.

Le ricerche si svolgono per più di una settimana sulle acque del lago, ma le immersioni dei sommozzatori dei vigili del fuoco non producono riscontri, dando spazio ad uno scenario completamente diverso da quello del gesto estremo, fondato sull’ipotesi di uno spostamento – in pullman o su un’altra auto, magari usufruendo di un passaggio – verso il confine. Ipotesi che però non convince i familiari.

Ai microfono del programma di Rai 3, alcuni residenti e frequentatori del Circolo Nautico di Caldè, che ha sede non lontano dal luogo in cui la Citroen è stata parcheggiata, affermano di non aver mai visto l’uomo in paese. “Io ero al mare con i bambini, lui passava a casa a bagnare le piante e a raccogliere la posta – racconta ancora la moglie nel servizio a cura di Paolo Andriolo -. Mi ha detto che andava tutto bene, sembrava sereno e ci siamo dati la buonanotte”.

Sul sito di Chi l’ha visto? è presente la scheda con tutte le informazioni sulla scomparsa di Massimo Grasso, utili per eventuali segnalazioni. Per consultarla, cliccare qui.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127