Laveno Mombello | 18 Settembre 2019

Laveno, riprese le ricerche dell’uomo nelle acque del lago. Ancora in azione il robot

Nessun riscontro dalle operazioni effettuate in 48 ore dai vigili del fuoco, carabinieri e dagli specialisti del Soccorso acquatico. Si affievoliscono le speranze

Tempo medio di lettura: 1 minuto

Un bigliettino lasciato in auto e la volontà di lasciarsi tutto alle spalle dopo essersi lanciato nel lago dal traghetto. È questo quanto avvenuto lunedì mattina sulla motonave Ticino, partita da Laveno Mombello e diretta a Verbania, quando un 82enne residente nella città piemontese ha deciso di gettarsi in acqua.

A vederlo, increduli, alcuni passeggeri del traghetto che hanno lanciato l’allarme al personale di bordo. L’imbarcazione ha fermato così il suo tragitto avvertendo a sua volta il 118. Ad intervenire subito dopo non solo i carabinieri della Compagnia di Luino, ma anche numerose squadre dei vigili del fuoco dei distaccamenti di Laveno Mombello, di Ispra, del Nucleo Sommozzatori di Milano e di Trento, del Nucleo Elicotteri di Malpensa e del Comando Centrale di Varese.

A 48 ore di distanza, però, nonostante l’arrivo del R.O.V. (Remotely operated vehicle), sottomarino a comando remoto che scandaglia i fondali a centinaia di metri di profondità, in dotazione ai vigili del fuoco di Trento, ancora nessuna traccia dell’uomo.

Stamane gli operatori si sono messi nuovamente a lavoro, ma le speranze di ritrovare il corpo dell’uomo di affievoliscono, sia a causa delle correnti sia per un’ondata di perturbazione che dal tardo pomeriggio di oggi dovrebbe colpire tutto il territorio lombardo.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127