Verbania | 12 Agosto 2019

Crolla la gru sui Castelli di Cannero, anche la sponda piemontese martoriata dalla tempesta

Anche dall’altra parte del Lago Maggiore sono ingenti i danni causati dal forte vento e dalla breve perturbazione di forte intensità di questa mattina

Tempo medio di lettura: 1 minuto

Grossi danni non solo per la sponda magra, ma anche per le coste piemontesi del Lago Maggiore, a seguito della forte perturbazione che si è abbattuta oggi intorno a mezzogiorno sul Verbano. Benché di breve durata, l’intensità del fenomeno temporalesco ha portato anche qui forti piogge, con venti violenti e grandine.

Il vento forte ha perfino abbattuto la gru installata da anni ai Castelli di Cannero, danno visibile anche dalla prospettiva lombarda del lago. Anche per i dirimpettai piemontesi poi allagamenti, cadute di piante e danni da Verbania a Stresa: è stata chiusa la rampa di accesso allo svincolo dell’autostrada di Baveno, provocando lunghe code in entrata e uscita da Verbania.

Sempre a Verbania, allagamenti in diverse vie della città, con la strada che passa da Villa Taranto e costeggia il lago, via Vittorio Veneto, chiusa al traffico e numerose chiamate per richieste di soccorso. Danni registrati anche sul lungolago di Pallanza, vicino all’hotel Majestic, e nella zona di Madonna di Campagna.

Anche il parco di Villa Taranto è stato chiuso, a Baveno e Stresa risultano disagi alla circolazione per piante cadute, insieme ad allagamenti nell’area industriale di Gravellona Toce.

Foto di Candido Quatrale

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127