Luino | 22 Luglio 2019

Luino, il cadavere ritrovato all’ex Palazzo Ratti in attesa di autopsia ed identificazione

Grande sgomento ed incredulità per quanto avvenuto sabato mattina nell'area vicino alla pista ciclopedonale che collega Luino a Germignaga. Nessuna novità

Non ci sono novità in merito al cadavere, in stato di decomposizione, ritrovato nella mattinata di sabato 20 luglio al piano sotterraneo dell’edificio che una volta ospitava gli uffici dell’ex Palazzo Ratti, successivamente sede dell’Agenzia delle Entrate, tra Luino e Germignaga.

Era stato un parente di Pier Luigi Arduino, 69enne scomparso ad inizio luglio dalla sua abitazione, e del quale non si hanno ancora tracce, intorno alle 10, a ritrovare il corpo. Il caldo di questi giorni, infatti, ha velocizzato lo stato di decomposizione e per questo non si conoscono ancora né le generalità del cadavere, né tantomeno le cause del decesso.

Sul posto, infatti, sono intervenuti gli agenti del Settore Polizia di Frontiera di Luino e la Polizia Scientifica da Varese che, dopo aver effettuato rilievi ed analizzato il luogo, inserito in un contesto di degrado ed abbandono, ora stanno indagando sull’accaduto per ricostruire cosa sia avvenuto prima del tragico ritrovamento.

Saranno gli esiti dell’autopsia, disposta al pm di turno Lorenzo Dalla Palma, a stabilire sia l’identificazione che i motivi che hanno portato al decesso. Il corpo ora si trova in obitorio a Varese, affidato all’autorità giudiziaria, che nei prossimi giorni svelerà questo mistero che ha sconvolto la comunità luinese, la quale si interroga, soprattutto sui social network, su cosa ci sia dietro a questo decesso.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127