Ranco | 15 Febbraio 2019

“Slow Lake”: a Ranco un incontro sul turismo sostenibile tra Lago Maggiore e di Varese

L’incontro, organizzato da Agenda21Laghi, mostrerà le opportunità legate all’inserimento nella nuova Area MAB dell’UNESCO Ticino Val Grande Verbano

Tempo medio di lettura: 2 minuti

L’Area tra il Lago Maggiore e il Lago di Varese ha recentemente ottenuto un prestigioso riconoscimento per la bellezza del suo territorio e la capacità delle comunità locali di mantenere un rapporto di sostenibilità con l’ambiente circostante: l’inserimento nella nuova Area MAB dell’UNESCO Ticino Val Grande Verbano.

Agenda21Laghi, protocollo di intesa a cui aderiscono attualmente 16 Comuni, organizza per martedì 19 febbraio presso l’Hotel Conca Azzurra di Ranco, un incontro per mostrare come questo riconoscimento possa essere l’inizio di un percorso virtuoso per la filiera turistica e culturale del territorio. Un percorso tramite il quale coprogettare servizi, programmi, iniziative e proposte che sappiano creare valore aggiunto e valorizzare le opportunità di crescita del turismo sostenibile tra i laghi.

Saranno presentati alcuni strumenti creati in questi mesi dai Comuni di Agenda21Laghi, a disposizione del territorio e dei suoi attori, come la catalogazione di numerosi beni architettonici realizzata grazie al contributo di Regione Lombardia o l’inserimento della rete sentieristica locale nella rete sentieristica regionale, per il miglioramento della sua fruizione.

La presenza di Explora, la Destination Management Organization (DMO) di Regione Lombardia, permetterà inoltre di ribadire le opportunità che Regione continua a mettere a disposizione dei territori per la propria promozione.

Soprattutto si cercherà di iniziare a discutere, con un’ampia tavola rotonda e gli interventi dei presenti, come costruire assieme i primi tasselli per rendere questi luoghi una destinazione riconoscibile prendendo coscienza del suo valore. Un percorso a cui si è dato avvio, con il supporto di Camera di Commercio e delle amministrazioni locali, e che ora vede nella nuova Area MAB un’ulteriore spinta per lavorare assieme alla filiera turistica e culturale del territorio tra i laghi.

Agenda21Laghi afferma tra i Principi che i Comuni citati “esprimono la convinzione che il territorio dei laghi disponga di uno straordinario patrimonio costituito dalle bellezze naturali, dalle testimonianze lasciate dalla storia e dagli abitanti che hanno sempre espresso forte attaccamento alla loro terra e che per tali ragioni non si possa pensare alcuno sviluppo economico e sociale che non sia nel segno della sostenibilità, che non consumi, ma riproduca costantemente e valorizzi le risorse territoriali”.

Lo stesso protocollo definisce inoltre tra gli obiettivi di Agenda21Laghi: “promuovere la qualità territoriale, che può essere ottenuta solo con un approccio integrato di tutte le politiche pubbliche e le azioni dei soggetti attivi sul territorio, con un’attitudine positiva e di territorialità attiva ispirata da progetti coerenti. Si deve progettare in modo integrato il territorio, l’ambiente, il paesaggio, la natura. È quindi necessario migliorare le capacità strategiche e costruire una diffusa cultura di progetto” e ancora “sviluppare nuova e buona occupazione, nei servizi, nel turismo, nella produzione culturale, nella comunicazione e nei media, nell’energia, nella bioedilizia, nella ricerca, nella produzione e diffusione di conoscenza”.

Per scoprire i dettagli dell’evento e iscriversi per partecipare è possibile visitare la pagina Eventbrite di Slow Lake.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127