Luino | 17 Dicembre 2018

Luino, un nuovo ambulatorio per le Cure palliative: “Daremo dignità alla vita”

Il sindaco di Luino: "Un investimento che per l'Alto Verbano vale doppio". Il DG Callisto Bravi: "Una risposta efficace che implementa il principio di sussidiarietà"

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Un nuovo ambulatorio dedicato alle Cure palliative è stato aperto all’Ospedale di Luino è stato presentato oggi all’interno del nosocomio luinese. Come raccontato negli scorsi giorni, si tratta di un ulteriore elemento di crescita per la struttura di “Cure palliative e Terapia del dolore” dell’ASST dei Sette laghi, che negli ultimi anni ha visto il suo organico rinforzarsi parallelamente all’aumento dei pazienti assistiti.

Fondamentale, per questo ulteriore traguardo, è stato il supporto dell’associazione “Sulle Ali”, che accompagna l’attività della struttura diretta dal dott. Gianpaolo Fortini fin dalla sua istituzione, nel 2010. In particolare, “Sulle Ali” ha sostenuto il progetto “Cure palliative nell’alto Verbano” con un impegno economico di oltre 25mila, in parte coperto grazie al supporto della Fondazione Comunitaria del Varesotto, che lo ha premiato riconoscendone l’importanza.

Grazie a questa sinergia, l’ASST dei Sette Laghi ha potuto attivare un nuovo ambulatorio medico-infermieristico all’Ospedale di Luino dedicato ai pazienti e ai famigliari che risiedono nel nord della Provincia di Varese, e che potranno così evitare di raggiungere la sede di Varese per sottoporsi a visite e colloqui nel delicato momento di avvio del percorso di cure palliative.

L’ambulatorio, infatti, aperto al pubblico 4 ore alla settimana, si propone come nuovo punto di accesso alla rete delle cure palliative, che comprende tutti gli interventi finalizzati a rendere migliore la qualità di vita del paziente in fase avanzata di malattia, dal regime ambulatoriale all’assistenza a domicilio o in degenza.

Grazie alla presenza di questo nuovo ambulatorio sul Verbano sarà quindi anche più facile intercettare i pazienti che necessitano di questo tipo di assistenza e accelerare il loro inserimento nel percorso, evitando intermezzi che spesso si rivelano problematici sia per i pazienti che per i loro famigliari.

“Il personale medico e infermieristico sarà quello già operante presso la SSD di Cure palliative e Terapia del dolore, – precisa il dottor Fortini – che ha accolto con entusiasmo questa nuova sfida mirata a migliorare i servizi e l’integrazione ospedale territorio anche attraverso il coinvolgimento dei Medici di Medicina Generale. Il referente medico di questa nuova attività sarà il dottor Carlo Grizzetti. Potenziare il servizio sul territorio è importante, una grande sinergia e sintesi che ci permetterà di stare vicino ai bisogno dei malati con professionali procedure assistenziali e tecniche. Gestiremo tutte le peculiarità dei pazienti, penso sia un bellissimo regalo di Natale”.

“Cure palliative nell’alto Verbano, un sogno progetto che si è realizzato – commenta Giovanni Verga, presidente di Sulle Ali -. Il sogno nasce circa due anni fa, durante un incontro con il Rotary Club Alto Verbano, durante il quale si evidenziavano le difficoltà e le fatiche del personale medico ed infermieristico, ma soprattutto degli ammalati, dovute alla distanza e si auspicava di attivare un servizio di prossimità. Un sentito ringraziamento va alla Fondazione Comunitaria del Varesotto per il sostegno e alla Direzione della ASST dei Sette Laghi sempre attenta ai bisogni delle persone. Siamo del parere che è meglio morire bene che male: con questo progetto trasliamo a Luino l’esperienza dell’hospice di Varese. Nonostante le difficoltà burocratiche, per l’organizzazione di spazi e del personale, spero che questo sia il primo di progetto di un più ampio percorso per altri servizi. È fondamentale ascoltare, accompagnare ed aiutare”.

Un grazie sentito all’associazione Sulle Ali viene dal Direttore generale Callisto Bravi: “Con Sulle Ali la nostra struttura di Terapia del Dolore e Cure palliative può contare su un alleato prezioso che, alla generosità tipica del Volontariato, unisce una grande competenza che gli permette di trovare sempre il modo migliore per aiutarci e, soprattutto, per aiutare i nostri pazienti. Investire su Luino significa farlo su un territorio che ha bisogno di essere messo in rete. Una risposta efficace che implementa il principio di sussidiarietà, grazie ad una grande donazione e al volontariato, senza ulteriori interessi”.

Ad intervenire anche Maurizio Ampollini, presidente della Fondazione Comunitaria del Varesotto onlus, che ha finanziato il progetto: “Nel corso di quest’anno abbiamo investito 1,5 milioni di euro su tutto il territorio. Questo ambulatorio risponde all’esigenza e ai bisogni delle persone che vivono un momento difficile e fondamentale della loro esistenza. Così, insieme al Rotary, abbiamo promosso questa iniziativa, ed è fondamentale il ruolo della comunità. Dobbiamo continuare su questa strada, creando un circolo virtuoso. Solo così i buoni progetti e le buone idee riusciranno ad avere ‘le ali’ per prendere il volo”.

Un ringraziamento anche da parte del past president del “Rotary Club Laveno Luino Alto Verbano”, Angelo Ferloni: “Oggi è una giornata importante per tutti noi, un passo importante per costruire qualcosa di grande. Dare la dignità alla vita, un grande valore morale per la nostra quotidianità. Abbiamo portato a termine un lavoro bellissimo”.

A chiudere la girandola di interventi il sindaco di Luino, Andrea Pellicini: “Un grande grazie va a tutti voi, per la solidarietà e l’impegno dimostrato. Sono certo che senza l’aiuto migliore della società civile il pubblico non riuscirebbe a risolvere tutti i problemi, ma l’attività di associazioni encomiabili com questa è fondamentale. Investire sul territorio luinese, un territorio isolato, vale doppio. Ci sono tante persone che non hanno possibilità o che fanno una fatica enorme ad arrivare a Varese. I pazienti dell’Alto Verbano saranno così trattate con la dignità che meritano”.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127