Varese | 7 Agosto 2018

Anziana truffata al telefono e costretta a consegnare ingente somma di denaro

La signora, circuita da una finta parente, è stata truffata con la scusa che se non avesse mandato soldi sarebbe stato arrestato un congiunto

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Ieri pomeriggio si è verificato un nuovo caso di truffa ad una persona anziana in provincia di Varese.

Anche in questo caso l’illecito è iniziato con una telefonata, dove una donna spacciandosi per una parente della truffata, ha paventato il pericolo che, se non fosse riuscita a reperire del denaro, un congiunto dell’anziana donna sarebbe stato arrestato. L’anziana varesina, presa alla sprovvista ha consegnato un’ingente somma di denaro ad un complice che si è presentato presso l’abitazione della vittima.

Il modus operandi è sempre lo stesso: conquistare la fiducia delle vittime per introdursi nelle loro abitazioni allo scopo di derubarli qualificandosi nei modi più svariati, come parenti, a volte addetti al controllo di acqua, luce, gas, altre volte della posizione pensionistica o contributiva e purtroppo, sempre più spesso, anche sfruttando il nome delle Forze dell’Ordine.

Le modalità di contatto avvengono generalmente attraverso mezzo telefonico. Tali soggetti, individuano anziani particolarmente esposti, quali persone che vivono da sole, convincono i malcapitati a consegnare soldi o preziosi a dei complici che si presentano presso le abitazioni, adducendo le più svariate scuse come parenti che hanno urgente necessità di denaro, in tal caso contattare immediatamente i propri famigliari per accertare la veridicità della telefonata ricevuta.

Come sempre, la Polizia di Stato vi consiglia di non aprire la porta di casa a sconosciuti anche se vestono un’uniforme o dichiarano di essere dipendenti di aziende di pubblica utilità, di verificare sempre con una telefonata da quale servizio sono stati mandati gli operai che bussano alla vostra porta e per quali motivi e se non ricevete rassicurazioni non aprite per nessun motivo.

“Ricordate – spiegano dalla Questura – che nessun Ente o Istituzione manda personale a casa per il pagamenti o rimborsi a vario titolo. Per qualunque problema e per chiarirvi qualsiasi dubbio non esitate a chiamare il 112 NUE”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127