Valcuvia | 2 Luglio 2018

Fusione Cuveglio e Duno, da “Progetto Comune” tutte le ragioni del “No”

Le consigliere di minoranza, Sara Ginelli e Roberta Tagliati, lasciano un ultimo messaggio agli elettori prima del voto. Ecco la loro posizione finale

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Anche gli amministratori contrari alla fusione tra i comuni di Cuveglio e Duno, a poche ore di distanza dalla pubblicazione delle ragioni a sostegno del sì, rivolgono ai cittadini il pensiero che chiude la campagna elettorale, in vista del referendum di domenica.

In una nota firmata dalle consigliere di minoranza Sara Ginelli e Roberta Tagliati, a capo del gruppo “Progetto Comune” che tanto si è speso nelle ultime settimane per contestare i vantaggi associati alla definitiva partenza del piano, è contenuto l’appello finale alle due comunità, che tra meno di sette giorni si esprimeranno sul futuro di questa importante porzione di Valcuvia.

Un interrogativo, più che un appello, incentrato sullo scopo reale a cui si presta l’oggetto del lungo e articolato dibattito che per mesi ha interessato il territorio: “Perché dovremmo volere questa fusione?

La risposta, stando al comunicato redatto dalle due consigliere, va cercata nelle modalità e nei tempi con cui l’idea ha preso forma, anziché attraverso la sola analisi contenutistica che appartiene alla sfera dei “pro e contro”. La tesi di Progetto Comune si connette quindi ad ulteriori domande che rappresentano l’essenza dell’impegno preso da Ginelli e Tagliati all’inizio della campagna: “Perché questo tipo di scelta arriva solo a dieci mesi dalla fine del mandato? Perché la maggioranza a Cuveglio non ci ha lavorato dall’inizio? Dov’era questa fusione nel loro programma elettorale?”.

Per le consigliere prevale la volontà di ragionare ancora “In termini di bene comune“, in opposizione ai giochi politici di chi ragiona invece “Per alleanze e opportunità“. Indipendentemente dal responso delle urne, questo il messaggio conclusivo, rimarrà la consapevolezza di aver lavorato “Gratuitamente, insieme e a firma congiunta su quanto scritto di nostro pugno. Non abbiamo allestito alcun gazebo, non abbiamo organizzato feste o comizi per far passare prima la nostra faccia delle nostre opinioni. Abbiamo solo iniziato a cercare nuove persone per cambiare davvero le cose”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127