Brissago Valtravaglia | 28 Aprile 2018

Scempio a Brissago Valtravaglia, “Trovati gatti morti e con ossa rotte”

A lanciare l'allarme Giancarlo Galli del Rifugio degli Animali Felici e la sindaco Giusy Giordano: "Qualcuno si diverte a far male o spaventare i gatti"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

La situazione nelle ultime settimane a Brissago Valtravaglia è surreale. Numerosi i gatti morti e feriti con ossa rotte che vengono trovati sul territorio del paese dove, da anni, operano Giancarlo Galli, responsabile del “Rifugio degli Animali Felici”, e i tanti e tante volontarie che gli danno una mano quotidianamente.

Ad essere colpiti sono tutti quei gatti randagi, appartenenti ad una colonia felina riconosciuta e protetta, presenti in loco, che, forse, sono stati presi di mira da qualcuno. “Negli scorsi giorni abbiamo trovato distrutte le gabbie-trappole che utilizziamo per prendere i gatti con l’obiettivo di curarli, sterilizzarli e dotarli di microchip – spiega il signor Galli -. I gatti non fanno parte del rifugio, ma sono animalista e ho ritenuto necessario denunciare quanto sta avvenendo. Sono state spaccate anche le ciotole, abbiamo trovato un gatto morto con la testa rotta ed altri con le ossa spezzate. Non so di cosa si tratta, se di incidenti o se siano vere e proprie aggressioni. È spregevole, però, vedere come la mano umana sia intervenuta nelle gabbie che usiamo per aiutare i felini: si trovano in un posto isolato, non facilmente raggiungibile in macchina”.

Un quadro desolante, quindi, nel quale sono impegnati anche i volontari dell’associazione “Dimensione Animale Onlus”, che ha avuto gli stessi problemi nei pressi della pista ciclabile a Cassano Valcuvia, dove sono state rotte ciotole per il cibo e hanno distrutto e fatto disperdere un’altra colonia di gatti. “Questi episodi non sono da sottovalutare – continua Galli -, ma gli esseri umani faticano sempre più a rispettare l’uomo, figuriamoci gli animali. Il problema è grave, soprattutto perchè ci sono di mezzo le vite degli animali, che dobbiamo tutelare. Sempre”.

Dello stesso parere anche la sindaco Giusy Giordano: “Non so cosa stia causando questa situazione che ci sta indignando profondamente, ma in paese sono anni che troviamo gatti feriti e morti. Non comprendo se si tratti di cittadini infastiditi dal randagismo o se siano incidenti, ma nell’ultima settimana i fenomeni si sono intensificati. Come amministrazione da sempre siamo sensibili e attenti nei confronti di tutti gli animali e non posso far altro che ringraziare il signor Galli e il suo rifugio che quotidianamente sono impegnati sul territorio per salvarli, indistintamente dalla loro specie. Nel caso specifico, invece, se ci fosse dietro la mano dell’uomo, condanno fermamente azioni di questo tipo. Ho segnalato gli episodi alle forze dell’ordine, anche se mi rendo conto che la priorità sono le persone e le risorse umane non sono sufficienti. Chiederò controlli mirati, in alcuni punti strategici, ma bisogna rendersi conto che il problema è culturale e che riguarda noi cittadini in primo luogo”.

Non si è a conoscenza quali siano le cause di questo scempio, ma nel caso ci fosse la mano dell’uomo dietro a queste vicende è difficile comprendere cosa potrebbe spingere un essere umano a comportarsi così.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127