Luino | 16 Marzo 2018

Franzetti a disposizione del Pd Luino: “Pronti per costruire una lista con un programma forte”

Il 33enne luinese interviene sul particolare momento che sta vivendo il Partito democratico luinese dopo le scorse elezioni politiche e regionali, dati alla mano

Tempo medio di lettura: 2 minuti

A bocce ferme, e risultati elettorali alle politiche e alle regionali acquisiti, dopo le dimissioni del segretario cittadino Enrico Bianchi e della consigliera comunale Enrica Nogara, dal direttivo del circolo luinese, torna ad intervenire Alessandro Franzetti, ex consigliere comunale e già presidente del consiglio comunale di Luino nell’ultimo periodo di de primo mandato di Andrea Pellicini.

Franzetti, con lucidità, analizza la situazione del Pd a livello locale, attraverso la lettura delle percentuali ottenute dal partito nella tornata elettorale del 4 marzo scorso. “Il risultato di queste elezioni è chiaro e inequivocabile – spiega il piddino luinese -. Hanno vinto le forze cosiddette ‘populiste’, termine che non mi piace ma che ormai è entrato nell’uso comune, forze che sono fortemente critiche con l’Unione Europea, e che in politica estera preferiscono guardare verso la Russia a est piuttosto che alla nostra storica appartenenza alla famiglia atlantica, anche se in questo particolare momento della storia strizzano l’occhiolino a Trump. Mi riferisco al Movimento 5 Stelle e alla Lega”.

“Il centro moderato – continua il 33enne -, che per tutta la Prima Repubblica ha governato il nostro paese, non esiste più e le vere forze sconfitte di queste elezioni sono da un lato Forza Italia e dall’altro, in misura maggiore, il Partito Democratico. Venendo ai risultati a Luino, guardando quelli della Camera dei Deputati, sono molto netti: il centrodestra nel suo insieme supera il 48 %, il M5S sfiora il 25% e il centrosinistra nel suo insieme è poco sopra il 21%. Il Partito Democratico ha ottenuto il 18,44 % alla Camera e al Senato e il 15,96% alle Regionali”.

“Da sempre mi sento un liberale – afferma ancora Alessandro Franzetti – , e sono un fautore della società aperta, convintamente europeista, ritengo che l’euro abbia salvato la nostra economia e apprezzo molto, come sostengo pubblicamente da tempo, i risultati di cinque anni di governo a guida PD: leggi come le unioni civili, la buona scuola, il dopo di noi, il biotestamento, una politica estera che ha permesso all’Italia di tornare a essere considerata sui tavoli più importanti sono i risultati concreti del buongoverno del centrosinistra. É mancato solo il tassello dello Ius Soli, legge che costituisce un faro di civiltà”

“In passato ho creduto che anche il centrodestra potesse essere a trazione moderata e liberale – sottolinea Franzetti – , ma, come testimoniano i risultati di queste elezioni, in quel campo la golden share l’ha assunta la Lega, e quindi non c’è spazio per chi la pensa come me. Dopo aver votato PD già alle elezioni del 2013, sono sempre più convinto che la mia casa sia il centrosinistra.

“Pertanto, in questo momento difficile per il partito e per il paese – conclude Alessandro Franzetti -, ho deciso di dare il mio contributo iscrivendomi alla sezione luinese del PD, che vive un momento di estrema difficoltà. Darò il mio contributo in termini di idee, progetti e per migliorare la nostra amata Luino. Ho sempre pensato che quando la nave affonda, i veri capitani non la abbandonano, perché ciò sarebbe troppo comodoCon questo spirito coraggioso, gettando il cuore oltre l’ostacolo, io per il PD di Luino ci sono. Ritengo che si debba costruire una lista con programmi forti, donne e uomini autorevoli, per presentarsi alle elezioni comunali del 2020 dando un’alternativa credibile in cui i luinesi possano riconoscersi”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127