Alto Varesotto | 12 Dicembre 2017

Dopo la neve tornano ad illuminarsi e a scaldarsi le case della Veddasca e Monteviasco

Il sindaco di Maccagno con Pino e Veddasca, Fabio Passera, stamane aveva lanciato l'allarme, proponendo un tavolo di lavoro che possa trovare soluzioni utili a tutti

Dopo ventiquattro ore di grave difficoltà, tornano alla normalità le case dei cittadini di Maccagno con Pino e Veddasca e di Curiglia con Monteviasco.

Questa mattina era stato il sindaco maccagnese Fabio Passera a raccontare quanto stava accadendo nei piccoli borghi della Veddasca dal tardo pomeriggio di ieri dove, a causa della neve, alcuni alberi e rami hanno spezzato i fili dell’elettricità portando diverse centinaia di cittadini a rimanere senza luce e riscaldamento nelle proprie abitazioni.

Dopo un lavoro incessante e continuo su tutto il territorio boschivo della Veddasca, gli operatori Enel sono riusciti a riportare la normalità nelle case, dove le persone, a partire dalle 18.40 circa, sono tornati alla loro quotidianità.

“Un grande grazie a tutti gli impiegati Enel che sono intervenuti oggi. In ogni caso – ha spiegato oggi il sindaco Fabio Passera – bisogna intervenire sul sistema. Credo sia necessario mettersi attorno ad un tavolo e ripensarlo. C’è qualcosa che non funziona: lasciare così le persone senza corrente, significa far venir loro voglia di abbandonare il territorio. Dopo tutto quello che facciamo per le nostre frazioni ed i nostri borghi, questo è un disservizio che ci mette in ginocchio. La manutenzione dei boschi è un tema serio e dobbiamo affrontarlo insieme”.

La situazione è tornata stabile anche nel territorio di Curiglia con Monteviasco.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127