15 Maggio 2017

Maccagno, 240mila euro per il sottopasso pedonale di viale Garibaldi. Diverse questioni sollevate dalla minoranza

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Un consiglio comunale intenso e molto partecipato quello di mercoledì scorso a Maccagno con Pino e Veddasca. Tanti i punti all’ordine del giorno tra cui le variazioni al bilancio di previsione e al piano triennale delle opere pubbliche. Importante la realizzazione del sottopasso pedonale in viale Garibaldi. Molteplici le interrogazioni presentate dal gruppo consiliare “Insieme Maccagno-Pino-Veddasca”. Nell’ultima di queste sono state evidenziate questioni tra l’amministrazione Passera e il capogruppo Davide Compagnoni, con il primo cittadino che, ammettendo alcuni errori, ha auspicato e si è detto disponibile ad un maggior confronto tra le parti.

Maccagno, 240mila euro per il sottopasso pedonale di viale Garibaldi. Diverse questioni sollevate dalla minoranza. Dopo l’esame e l’approvazione del rendiconto dell’esercizio finanziario anno 2016, il consiglio ha dibattuto delle variazioni al Bilancio di previsione 2017/2019 e, contestualmente, della variazione del Piano triennale delle opere pubbliche 2017/2019. Questi due punti si rendono necessari al fine di inserire nel Bilancio di Previsione 2017 (e quindi contestualmente nel Piano triennale delle Opere pubbliche 2017/2019) un intervento che l’amministrazione Passera ha ritenuto di estrema importanza per il paese, quale il sottopasso pedonale in Viale Giuseppe Garibaldi, all’altezza dell’attuale ponte ferroviario.

“Da qualche anno – spiega il sindaco Passera – avevamo valutato la concreta possibilità di realizzare quell’opera, che aveva avuto anche il preventivo avvallo di Rfi, alla condizione inderogabile di dover sempre garantire il passaggio dei treni o comunque dei convogli da lavoro sui binari soprastanti. La necessità di garantire tale mobilità ferroviaria, portava a un progetto il cui costo era stato preventivato in 420 mila euro. Noi lo avevamo riportato nel Piano Triennale nel corso degli anni scorsi ma, francamente, tale cifra ci era sembrata da subito eccessiva. Convinti della necessità dell’opera, non ci siamo però persi d’animo e siamo ritornati al tavolo di una trattativa piuttosto complessa con la stessa Rfi, all’interno degli interventi mitigativi a seguito dell’arrivo di Alp Transit. Lo spunto è nato dall’annunciata chiusura del tratto di rete ferroviaria sul territorio comunale indicativamente per il periodo 01/06/2017 – 30/11/2017″.

Proprio in virtù di questa novità l’amministrazione di Maccagno con Pino e Veddasca ha richiesto nuovamente a gran voce di poter inserire il progetto ma, ancora una volta, si è scontrata con la necessità di Rfi di lavorare per la sostituzione delle traversine e di avere la necessità di movimentare mezzi sulla linea ferroviaria, lasciando una finestra di tempo minuscola di fermo totale della linea, comunque assolutamente non sufficiente per eseguire i lavori. “Abbiamo, dopo non pochi problemi – continua Passera -, trovato la soluzione di permettere a Rfi l’accesso alla linea ferroviaria da un altro punto (indicativamente all’altezza della Chiesa di Santo Stefano) e questo ci ha permesso finalmente di ottenere la possibilità di operare senza la necessità di garantire il transito sulle rotaie.
A questo punto è cambiato anche il costo totale dell’opera, che è scesa a un quadro economico totale di 240 mila euro”.

La variazione di Bilancio di questa sera si rende necessaria proprio per liberare risorse nel Bilancio 2017/2019. “Nel 2017 – spiega ancora il sindaco Passera – applicheremo in entrata un introito di 100 mila euro ricavati da una maggiore entrata IMU derivante dalla riclassificazione della Centrale di Roncovalgrande effettuata dall’Ufficio del Territorio di Varese a seguito dell’autocertificazione presentata da Enel Produzione nell’ambito della vicenda “imbullonati”. Sposteremo in avanti un lavoro previsto in via Kennedy a Pino pari a 150 mila euro liberando le relative risorse, aumenteremo di 10 mila euro l’intervento per l’allargamento della Via Matteotti e prevederemo la realizzazione del sottopasso pedonale di Viale Garibaldi per 240 mila Euro. Nel 2018 prevediamo la maggior entrata IMU di cui vi ho dato conto poc’anzi e inseriremo il contributo regionale di 130 mila euro, oltre a una minor spesa pari a 30 mila euro sulla manutenzione del patrimonio comunale per finanziare il progetto definitivo di sistemazione del Lungolago Girardi, il cui costo assomma a 260 mila euro. Nel 2019, oltre alla maggior entrata IMU per 100 mila euro contiamo di risparmiare 50 mila euro sulla spesa della manutenzione degli immobili comunali per finanziare con 150 mila euro il previsto progetto di Via Kennedy a Pino. Alla stessa maniera, prevederemo quest’opera nel 2017 all’interno del Piano triennale dei lavori pubblici, insieme a qualche altro piccolo aggiustamento riferito agli anni successivi. Per completezza d’informazione, l’area interessata ai lavori al nuovo sottopasso diventerà disponibile con l’inizio di luglio e gli stessi dovranno tassativamente, almeno nella parte strutturale, finire entro ottobre 2017.

Diverse gli atti presentati dal gruppo consiliare di opposizione. Ben due interrogazioni, una mozione (poi votata all’unanimità) e due interpellanze presentate dalla minoranza guidata dall’avvocato Davide Compagnoni, tra cui le ultime due dal sapore squisitamente politico. La penultima relativa alla vertenza del nuovo Porto Gabella, oggetto di una controversa transazione con la società concessionaria, mentre l’ultima a chiarimento di quanto “postato” pubblicamente dal sindaco Passera. Compagnoni, infatti, facendo riferimento ad esplicite esternazioni Facebook, dove è stato attaccato a livello personale dal sindaco (ndr, “Capò della minoranza” o “Pinocchio”), le ha ritenute gravi, offensive ed incommentabili, chiedendo scuse personali ed istituzionali. Dal sindaco Passera sono arrivate subito pubbliche scuse, apprezzate anche dal capo gruppo della sua maggioranza Fazio ed infine accettate da Compagnoni. Così la questione, almeno dal punto di vista formale, sembra essersi risolta al termine della seduta.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127