12 Aprile 2017

Russia e Usa confronto su Siria. Trump: “Assad animale”. Lavrov: “Rimuoverlo favorirebbe l’Isis”

Continua a destare preoccupazione la situazione in Siria, con Russia e Stati Uniti che anche oggi, tramite i loro ministri degli esteri, hanno espresso le loro posizioni. Se sono d’accordo sulla necessità di avviare un’inchiesta sull’attacco chimico in Siria, d’altra parte, non hanno le stesse posizioni sul futuro di Assad.

EPA/SERGEI CHIRIKOV

Russia e Usa confronto su Siria. Trump: “Assad animale”. Lavrov: “Rimuoverlo favorirebbe l’Isis”. Il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov ha affermato che rimuovere Bashar al Assad da presidente della Siria potrebbe essere un vantaggio per i terroristi dell’Isis. Lo riporta l’agenzia Interfax. La Russia e gli Stati Uniti ritengono sia necessaria un’inchiesta dell’Onu sull’attacco chimico in Siria. Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghiei Lavrov al termine dell’incontro con l’omologo statunitense Rex Tillerson. “In Siria la Russia non punta né su Assad né su chiunque altro”, ha continuato Lavrov in conferenza stampa con Tillerson.

Il segretario di Stato americano Rex Tillerson ha accusato il regime siriano di Assad di aver usato bombe al cloro e altre armi chimiche in “oltre 50 occasioni”. “Bashar al Assad non può assolutamente governare la Siria, la sua rimozione dal potere deve avvenire in modo strutturato e organizzato”, ha aggiunto il segretario di Stato Usa.

“I fragili progressi raggiunti in Siria sono in grave pericolo”: è il monito lanciato dall’inviato Onu nel Paese mediorientale, Staffan de Mistura, durante la riunione del Consiglio di Sicurezza Onu, affermando che servono “progressi irreversibili”. “Serve urgente consenso tra i maggiori attori in Siria per sostenere concretamente” una soluzione politica, ha aggiunto, e “ristabilire la credibilità del cessate il fuoco”.

 “Un animale”: così Trump ha definito il presidente siriano Bashar Assad in un’intervista a Fox Business Network. Sempre rispetto alla situazione in Siria, ha aggiunto Trump, Vladimir Putin sta dando il suo sostegno ad “una persona diabolica”, “molto negativa per il genere umano”.

Nell’incontro, secondo quanto riporta Ria Novosti, Lavrov avrebbe sottolineato che Mosca ritiene vitale che in futuro non ci siano altri attacchi americani in Siria.  “La sua visita cade al momento giusto: per noi è importante capire le reali intenzioni del governo americano e le sue posizioni dopo alcune affermazioni contraddittorie”. Così il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov a Rex Tillerson. “Non dateci una falsa scelta fra l’essere con voi o contro di voi”, ha aggiunto Lavrov.

I rapporti fra Russia e Usa sono “peggiorati” da quando è stato eletto Donald Trump. Così Vladimir Putin in un’intervista rilasciata nella notte al canale Mir. “Possiamo dire che il livello di fiducia, sopratutto sul piano militare, non è migliorato e anzi con ogni probabilità è peggiorato”, ha detto Putin rispondendo a una domanda. (ANSA)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127