31 Marzo 2017

Brexit, Tusk: “Negoziati complicati sul libero scambio, ma nessun approccio punitivo”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

L’Ue è pronta a parlare con la Gran Bretagna di un futuro accordo di libero scambio prima che le due parti si accordino sui termini finali della Brexit. Lo si legge nelle linee guida dell’Europa per i negoziati presentate oggi a Bruxelles.

(EPA/YVES HERMAN / POOL)

Brexit, Tusk: “Negoziati complicati, ma nessun approccio punitivo”.  “I negoziati che andiamo ad iniziare saranno complessi e a volte ci saranno delle divergenze. Non c’è modo di evitarlo. Ma la Ue non avrà un approccio punitivo. La Brexit è già abbastanza punitiva da sé”. Così il presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, ha commentato l’avvio delle trattative per l’uscita di Londra dall’Unione Europea nel corso di una conferenza stampa a La Valletta, nel giorno in cui vengono presentate ai 27 le linee guida del negoziato. “Dopo essere stati uniti per oltre 40 anni, lo dobbiamo a noi stessi di fare il possibile per far sì che questo divorzio vada il più liscio possibile”, ha aggiunto Tusk, sottolineando come in questo momento “il nostro dovere sia quello di minimizzare l’incertezza e i disagi causati dalla decisione del Regno Unito di ritirarsi dall’Ue ai cittadini, alle imprese e ai Paesi membri. Come ho già detto, in sostanza si tratta di limitare i danni”.

Tusk ha annunciato che sarà a Londra per un incontro con la premier britannica Theresa May prima del vertice europeo del 29 aprile. Il presidente del Consiglio Europeo ha riferito che “ogni giorno” parla con May. Con il Regno Unito “non ci saranno negoziati paralleli” sui termini del divorzio e contemporaneamente sull’accordo commerciale, ha ribadito Tusk nella conferenza stampa insieme al presidente di turno della Ue, il premier maltese Joseph Muscat. “Questo è il mio primo divorzio e spero che sia l’unico“, ha sottolineato Tusk.

Nessun negoziato tra singoli stati e Gb. “Quando avremo trovato le soluzioni” e saranno fatti “progressi sufficienti” in quattro aree chiave prioritarie – ha proseguito – per l’Ue per l’uscita della Gb allora “potremo procedere” a definire le nuove relazioni tra Gb e Ue. “Non ci saranno negoziati separati – si legge nella bozza- tra i singoli Stati membri e la Gran Bretagna”. “Questo è il mio primo divorzio e spero l’ultimo – afferma Tusk -. Voglio essere molto preciso. Non ho dubbi, specialmente dopo il nostro summit di Roma, che tutti i 27 saranno uniti durante i negoziati. Questo sarà nel nostro interesse ma anche in quello della Gran Bretagna, che dovrà parlare solo con i 27 come blocco”. E ancora: Le discussioni dei negoziati per la Brexit “saranno difficili, complesse, e a volte anche conflittuali, non c’è nessun modo per evitarlo”. (ANSA)

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127