10 Febbraio 2017

Clima, Ue: stop al carbone entro 2030 per rispettare accordo di Parigi

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Per rispettare l’accordo di Parigi, e quindi mantenere l’aumento della temperatura globale “ben al di sotto dei 2 gradi centigradi” e possibilmente entro 1,5 gradi rispetto ai valori dell’era preindustriale, l’Unione Europea dovrà chiudere tutte le sue 300 e più centrali a carbone entro il 2030, fermandone un quarto già nel 2020 e un ulteriore 47% entro il 2025. A tracciare la road map è un rapporto dell’istituto di ricerca Climate Analytics.

Riscaldamento globale: per mantenere fede accordo di Parigi stop al carbone entro 2030

(dailynewsegypt.com)

Clima, Ue: stop al carbone entro 2030 per rispettare accordo di Parigi. I ricercatori hanno calcolato che, per restare in linea con l’accordo sul clima, l’Ue ha un budget di emissioni derivanti dagli impianti a carbone pari a 6,5 miliardi di tonnellate di CO2 da qui al 2050. Se gli impianti esistenti fossero mantenuti operativi fino alla fine del loro ciclo di vita, l’Europa sforerebbe il budget dell’85%. “Il modo più economico per l’Ue di fare i tagli delle emissioni necessari per tener fede all’accordo di Parigi è quello di eliminare gradualmente il carbone dal settore elettrico, sostituendolo con fonti rinnovabili e misure di efficienza energetica”, ha detto Paola Yanguas Parra, autrice del rapporto.

Abbandonare il carbone è anche una questione di salute. In uno studio del 2016 stilato dal Wwf si evidenzia come le centrali a carbone abbiano un notevole impatto anche sulla salute dell’uomo, oltre che sul clima: “Il rapporto dimostra che un completo abbandono del carbone è una questione europea che riguarda tutti, e come tale dovrebbe essere uno degli obiettivi d’azione dell’UE”, ha commentato la responsabile Clima ed Energia del Wwf Italia, Mariagrazia Midulla, che spiega: “Gli effetti devastanti del carbone sul clima e sulla salute di tutti gli europei dimostrano che tutti i paesi della UE hanno l’interesse comune a lavorare insieme per venirne fuori il più presto possibile. Dopo l’accordo di Parigi sul clima, i leader dell’UE hanno un’ancor maggiore responsabilità di aumentare drasticamente gli sforzi per chiudere tutte le centrali a carbone e di passare rapidamente al 100% di energia rinnovabile”. La Germania e la Polonia hanno la maggior parte del lavoro da fare: insieme sono responsabili del 51% della capacità installata del 54% delle emissioni da carbone. Tra i grandi utilizzatori del carbone, insieme a Regno Unito, Repubblica Ceca e Spagna, c’è anche l’Italia, con il 5,7% della capacità installata e il 5,1% delle emissioni complessive. (ANSA)

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127