EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
28 Gennaio 2017

Il grande cuore di Lavena Ponte Tresa: raccolti oltre 20mila euro per i terremotati

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Come tanti altri paesi italiani, anche Lavena Ponte Tresa all’indomani del sisma che ha colpito il Centro Italia, lo scorso 24 agosto, aveva avviato una raccolta fondi da destinare alle popolazioni terremotate, con una serie di iniziative, coinvolgendo associazioni, cittadini e commercianti. Ieri sera, a cinque mesi da allora, è stato il sindaco Massimo Mastromarino ad annunciare la cifra raggiunta, oltre i 20mila euro. “Posso solo dire grazie a tutti quelli che hanno permesso questo risultato. E’ stato premiato il lavoro di squadra. Ora contatteremo un comune della zona colpita, e consegneremo di persona i fondi raccolti. Vogliamo vengano utilizzati per la ricostruzione di qualcosa di utile”.

Terremoto: i Vigili del Fuoco di Varese al lavoro ad Amatrice, ecco le foto

Il grande cuore di Lavena Ponte Tresa: raccolti oltre 20mila euro per i terremotati. Il giorno dopo il terremoto che ha colpito la zona di Amatrice e Accumoli, cittadini e paesi in tutta Italia si sono mossi per dare il loro contributo ed aiutare le popolazioni colpite. Anche sul nostro territorio sono state tante le attività, le iniziative e gli eventi, sin da fine agosto, per raccogliere fondi da destinare ai terremotati. Concerti, rassegne, proiezioni e mostre, o semplicemente una “Amatriciana in piazza”. E’ grande il cuore degli italiani e, ancora oggi, dopo le ultime scosse, con la tragedia della slavina che ha colpito l’Hotel Rigopiano, la rete di solidarietà si è ancora una volta avviata, spesso costruita da cittadini che mirano a raccogliere beni di prima necessità o vestiti. A Lavena Ponte Tresa, già da fine agosto, l’amministrazione comunale si è fatta capofila di questa rete, intrecciando e coinvolgendo le attività commerciali, da cui sono stati raccolti 4600 euro, comprese alcune banche, le associazioni, la parrocchia, gli asili e le scuole, con proventi raccolti pari a 12mila euro, e i cittadini privati, 3700 euro. Così, a cinque mesi da allora, possiamo dire che il paese al confine con il Canton Ticino ha raccolto ben 20.300 euro.

“Ricordo – racconta Massimo Mastromarino, sindaco di Lavena Ponte Tresa -, quando ci siamo trovati in comune il giorno dopo il sisma. Quello che ho visto quel giorno sarà un ricordo indelebile: entusiasmo nell’aiutare, se così possiamo definirlo, e sobrietà, da parte delle associazioni del paese. Ognuna di esse ha organizzato qualcosa, un evento, una festa, un pranzo, un concerto, per raccogliere fondi da destinare ai terremotati. Anche i supermercati ci hanno dato una mano, durante la ‘Amatriciana in piazza’, regalandoci tutto il necessario. I commercianti e i cittadini hanno aderito esponenzialmente, crescendo di giorno in giorno. Io non posso far altro che ringraziare tutti, e dire che il lavoro di squadra ci ha premiati. Insieme a tutta la maggioranza, gliene siamo grati. Ora siamo alla ricerca di un comune colpito a cui destinare i 20mila euro raccolti. Vogliamo partecipare fattivamente alla ricostruzione di qualcosa di utile, un’area pubblica, una fontana, un campo sportivo. Abbiamo voluto fare le cose con calma perchè credo, purtroppo, che la situazione di bisogno lì durerà ancora diverso tempo. Porteremo noi, di persona, i fondi raccolti alle popolazioni e agli amministratori coinvolti in questa spaventosa tragedia”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127