25 Ottobre 2016

MPS, al via piano efficienza: 500 filiali da chiudere e 2600 esuberi

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Il nuovo piano industriale di Mps “si focalizzerà su una maggiore efficienza mediante la riduzione di circa 2.600” dipendenti, lo spostamento sempre maggiore dei restanti dipendenti alle attività commerciali e la chiusura di circa 500 filiali. “Il costo del personale – spiega Mps – scenderà di circa il 9% a 1,5 miliardi di euro nel 2019 da circa 1,6 miliardi di euro del 2016” e la riduzione avverrà mediante un turnover naturale e l’attivazione del fondo di solidarietà.

MPS, al via piano efficienza: 500 filiali da chiudere e 2600 esuberi

(valoreazioni.com)

Piano di aumento del capitale. Nel piano 2016-2019 Mps prevede un “utile netto a fine piano superiore a 1,1 miliardi di euro, con un rote target superiore all’11% nonostante la crescita prudenziale dei ricavi”. Il cda di Mps ha convocato il prossimo 24 novembre l’assemblea straordinaria per approvare l’aumento di capitale fino a 5 miliardi di euro. L’aumento sarà con “esclusione o limitazione del diritto di opzione”. La delega al cda per l’aumento dovrà “esercitarsi entro e non oltre il 30 giugno”. Previsto anche il raggruppamento delle azioni nel rapporto di una a cento.

Icbpi offre 520 mln per Merchant Acquiring. L’Istituto Centrale delle Banche Popolari Italiane (Icbpi) ha presentato a Mps un’offerta (il 21 ottobre scorso) per “la potenziale acquisizione del perimetro di attività riconducibili al business del Merchant Acquiring per un corrispettivo per le sole attività pari a 520 milioni oltre a una proposta di partnership commerciale”. Il cda, si legge in una nota, svolgerà gli opportuni approfondimenti e ha concordato un periodo di esclusiva fino al 31 dicembre.

Via 27,6 mld sofferenze, conversione volontaria bond. L’operazione di salvataggio prevede il “deconsolidamento dal bilancio di 27,6 miliardi di crediti in sofferenza”, attraverso la cessione ad un veicolo di cartolarizzazione ad un prezzo pari a circa 9,1 miliardi (ovvero il 33%) e contestuale assegnazione delle junior notes agli attuali azionisti di Bmps. E’ quanto comunica la Banca. Quaestio Capital Management, per conto del fondo Atlante, sottoscriverà le junior mezzanine notes per un importo pari a circa 1,6 miliardi. L’operazione prevede anche il “potenziale esercizio di liability management, da completarsi prima dell’avvio dell’aumento di capitale” per consentire l’adesione volontaria “ad un’offerta di acquisto per cassa con vincolo di destinazione del corrispettivo alla sottoscrizione delle nuove azioni emesse nel contesto dell’aumento di capitale”. (ANSA)

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127