20 Agosto 2016

Rio 2016: Bolt suona la nona, tris d’oro come Carl Lewis! Fantastica l’Italvolley in finale

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Usain Bolt completa la tripletta ai Giochi di Rio guidando alla vittoria la staffetta giamaicana 4×100 in 37”27 davanti al Giappone (37”60) e agli Usa (37”62). Per Bolt è la terza tripletta consecutiva alle Olimpiadi dopo quelle di Pechino e Londra, la nona medaglia d’oro ai Giochi. Straordinaria l’Italvolley di Blegnini che trascinata da Zaytsev e Giannelli rimonta gli Usa e vola in finale. Nulla da fare, invece, per il Setterosa che “deve accontentarsi” dell’argento, uscendo sconfitta in finale contro gli Usa per 12-5. Tutti i risultati di ieri e le gare del penultimo giorno di Olimpiadi.

(Photo: Getty Images/Quinn Rooney)

(Photo: Getty Images/Quinn Rooney)

Usain Bolt suona la nona e dice addio alle Olimpiadi da “immortale”. Oro nei 100, 200 e 4×100 metri. Come a Pechino otto anni fa, all’inizio del suo impero. Come a Londra nel 2012, all’apice della carriera. “Voglio essere come Ali e Pelè”, aveva detto ieri il giamaicano dopo essersi messo al collo la seconda medaglia più preziosa qui a Rio. “Ancora due gare e sarò immortale”, era stato lo slogan coniato dal 29enne di Kingston dopo aver battuto Justin Gatlin nella gara regina dell’atletica, i 100 metri. Ora, è tutto vero. “Sono il più grande”, si lascia andare Bolt dopo avere completato la sua storica ‘tripla tripla’ vincendo con la Giamaica la staffetta in 37”27 davanti al Giappone (37”60) e al Canada (37”64), che ha beneficiato della squalifica degli Stati Uniti a causa di un’infrazione.

Il ‘fulmine’ alla sua ultima gara olimpica taglia un altro incredibile traguardo, quello delle nove medaglie d’oro in carriera. Un record che gli consente di eguagliare lo statunitense Carl Lewis, che vinse lo stesso numero di ori ma in quattro edizioni e altrettante specialità (100, 200, 4×100 e salto in lungo), e il finlandese  Paavo Nurmi, specialista di fondo e mezzofondo che realizzò il suo exploit fra il 1920 e il 1928. Nell’Olimpo dell’atletica lui c’è, l’uomo più veloce di sempre con una carriera costellata di record e successi, non solo quelli olimpici (nel suo palmares anche 11 ori ai Mondiali). In una sola parola: leggenda. “Ora sono sollevato, finalmente è accaduto. Sono felice e orgoglioso di me stesso. E’ tutto vero”, dice a caldo il re della velocità. “La pressione c’era, questo risultato per me è un traguardo importante. Come festeggerò? Farò le ore piccole stanotte”.

L’Italvolley vola in finale e conquista la 26esima medaglia tricolore a Rio 2016. Gli azzurri hanno superato gli Stati Uniti per 3-2 al termine di una gara infinita, guadagnando automaticamente la certezza di un podio a cinque cerchi. Dopo un inizio lanciato (30-28), flessione centrale con recupero e sorpasso americano (26-28, 9-25), prima del pareggio (25-22) e del liberatorio tie break (15-9). La Nazionale maschile attende ora di conoscere la vincente della sfida di stasera tra Russia e Brasile, che designerà l’avversaria della squadra guidata da Blengini nella corsa all’oro: appuntamento fissato alle 13.15 (ora locale) di domenica, nell’ultima giornata della XXX edizione dei Giochi Olimpici Estivi.

Il Setterosa è d’argento. La Nazionale di pallanuoto guidata da Fabio Conti, al termine di un cammino da applausi, si arrende solo agli Stati Uniti (12-5) nella finale olimpica di Rio 2016. Dopo il primo quarto-sprint delle americane (4-1), le azzurre hanno provato orgogliosamente a reagire (1-2), prima di cedere con onore alla forza d’urto delle avversarie (4-1 nel terzo, 3-1 il parziale del quarto). In rete Radicchi (2 centri), Emmolo, Bianconi e Di Mario. Si tratta della seconda medaglia, e del primo argento, a cinque cerchi per la formazione femminile, dopo l’oro di Atene 2004. Il Setterosa aveva chiuso al 7° posto il torneo di Londra 2012.

20 km marcia, azzurra Palmisano quarta. Antonella Palmisano ha chiuso al quarto posto la 20 chilometri di marcia ai Giochi di Rio: all”azzurra non è bastata la sua miglior prestazione stagionale (1.29.03) per salire sul podio. L’oro è della cinese Hong Liu (1.28.35); argento alla messicana Maria Guadalupe Gonzalez (1.28.37), bronzo all’altra cinese, Xiuzhi Liu (1.28.42).

Sarà Daniele Lupo il portabandiera dell’Italia Team nella cerimonia di chiusura dei Giochi di Rio 2016. L’azzurro, in coppia con Paolo è stato protagonista ieri nella finale con i brasiliani Alison e Bruno Schmidt, in cui ha conquistato uno storico argento per l’Italia. Si tratta, infatti, della prima medaglia olimpica azzurra da quando il beach volley è diventato disciplina olimpica, 20 anni fa ad Atlanta. A scegliere l’alfiere azzurro, che sfilerà allo stadio Maracanã domenica 21 agosto (a partire dalle ore 20:00 locali, l’1:00 italiana), è stato il presidente del CONI, Giovanni Malagò. (Fonte CONI)

Il medagliere al 20 agosto

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127