15 Giugno 2016

Orto didattico a Voldomino: “Pollice verde” e tanto entusiasmo per i bambini delle Elementari

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Per quest’anno la scuola è finita, ma la bella esperienza dei bambini delle Elementari di Voldomino continuerà anche a partire dal prossimo settembre. Un interessante progetto quello portato avanti dalle maestre Raffaella e Antonella, che ha permesso ad una ventina di alunni di quarta di cimentarsi nella coltivazione di ortaggi, verdure, frutta ed erbe aromatiche. Gli occhi dei bambini, entusiasti nel raccontare le loro esperienze, sono un volano verso il rispetto dell’ambiente ed il patrimonio territoriale.

Orto didattico a Voldomino: “Pollice verde” e tanto entusiasmo per i bambini delle Elementari. Piccoli progetti come quello avviato dopo Pasqua alle scuole elementari di Voldomino, frazione di Luino, possono essere di un’importanza universale. Partire da una classe quarta, in un piccolo borgo di provincia, può sembrare insignificante, ma non per quei venti bambini, le loro famiglie e le maestre Raffaella Rota e Antonella Serra che hanno proposto un progetto rivelatosi davvero interessante: un orto didattico. Un piccolo pezzo di terra, all’interno del giardino della scuola, dedicato interamente alla coltivazione e alla cura non solo di ortaggi e verdure, ma anche di erbe aromatiche. La particolarità, però, è che ad occuparsene sono stati proprio i bambini che hanno piantato i semi, visto crescere le piante e raccolto i frutti del loro lavoro prima della fine della scuola. Sabato, infatti, verranno consegnate le pagelle di fine anno e i ragazzini fino a settembre saranno a riposo.

“Tutto ciò che può essere sperimentato dai bambini – spiegano le maestre Raffaella e Antonella -, per noi è veicolo per far passare le conoscenza. Per ogni cosa è sempre meglio trovare un’attività pratica e dimostrare le teorie possibili, come facciamo nelle lezioni di matematica. Un metodo di apprendimento che paga molto perchè i bambini diventano competenti dopo un’esperienza maturata nel corso del tempo. Il progetto probabilmente continuerà anche dopo le vacanze, con il nuovo anno scolastico e saranno diverse le iniziative che metteremo in campo. Ci stiamo lavorando…”.

Ma i veri protagonisti sono stati i bambini che entusiasti hanno raccontato le loro esperienze. Per Joseph “è stato molto bello piantare l’orto e studiare le piante”, mentre per Ruben “è stata una bella sensazione: piantare, entrare in contatto con il terreno e dimostrare l’amore per le piante”. A raccontare, invece, cosa è stato piantato ci ha pensato Federico: “Pomodori, zucche, prezzemolo, peperoni, erbe aromatiche, insalata e tanto altro”. “All’inizio abbiamo fatto fatica – racconta Davide -, ma piano piano è stato bello vedere crescere le piante. Ad un certo punto pensavamo non crescesse nulla”. Per Lorenzo “la parte più divertente è stata quando i primi germogli sono usciti dalla terra”, mentre Niccolò è rimasto affascinato “dal procedimento e dalla preparazione. Prendere il compost e riempire i cassoni. Prima abbiamo dissodato la terra, poi l’abbiamo trasportata in alcuni secchi e, dopo aver finito di zappare, l’abbiamo messa nelle vasche”. “E’ tutto molto buono – rassicura Federico -, abbiamo già assaggiato qualcosa con i nostri genitori. Erano molto contenti”. Per Denise, inoltre, è stato “bello annaffiare”, mentre Saber ha raccontato in che modo è stata gestita la crescita delle zucche: “Prima le avevamo piantate all’ombra e quindi siamo stati costretti a spostarle al sole”. “A me è piaciuto – spiega Graziano – non solo piantare e annaffiare, ma anche quando abbiamo cercato i sassi per creare il recinto per l’orto”. E’ Ibrahim, infine, a spiegare in che modo con il compost siano stati coperti tutti i buchi della vasca.

Se da una parte ci sono i genitori soddisfatti da quanto fatto a scuola dai loro bambini, dall’altra ci sono proprio loro che affascinati da questo mondo e dall’ambiente, hanno aiutato i loro papà e le loro mamme a piantare qualcosa nei giardini di casa, chi autonomamente e chi collaborando. Un’iniziativa nobile che potrebbe coinvolgere tante scuole dell’alto Varesotto, affinchè l’amore per la terra e il rispetto dell’ambiente diventino una priorità assoluta nell’educazione di questi bambini.

Vuoi lasciare un commento? | 0

I commenti sono chiusi.

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127