Valganna | 9 Maggio 2024

Valganna, Bruna Jardini si ricandida sindaco e presenta la sua squadra

La prima cittadina uscente: «Ci ripresenteremo perché vogliamo continuare a impegnarci, affrontare le sfide future e perseguire un futuro ancora più luminoso per la nostra comunità». Ecco tutti i nomi

Tempo medio di lettura: 5 minuti

Come tanti altri paesi dell’alto Varesotto, anche i cittadini di Valganna sono chiamati alle urne per le elezioni amministrative del prossimo 8-9 giugno, che andranno a rinnovare e indicare la nuova giunta e il nuovo consiglio comunale. Da anni a guidare il paese è la prima cittadina Bruna Jardini, e anche in questa tornata elettorale si ricandida sindaco e presenta la sua lista “Con voi per la Valganna – Ancora Insieme”.

Per questa ragione, negli scorsi giorni, Jardini, negli ultimi 15 anni all’interno dell’amministrazione, prima come vice di Giacomo Bignotti e poi come sindaco, ha inviato una lettera a tutti i cittadini spiegando tutti gli interventi e i progetti portati avanti e realizzati in questi cinque anni di mandato, dal 2019 al 2024.

«Abbiamo deciso di offrire ai concittadini un opuscolo informativo con gli interventi riguardanti le misure di sicurezza messe in atto durante il nostro mandato. Da quando ci siamo insediati, la nostra attività si è concentrata sul tema della sicurezza del territorio della Valganna, sia relativamente alle fragilità idrogeologiche della nostra valle, che alla sicurezza delle persone».

Anzitutto, numerosi e onerosi interventi, infatti, sono stati eseguiti e sono ancora in corso per garantire la sicurezza delle strade nelle frazioni di Boarezzo e Mondonico. «Abbiamo installato chilometri di reti paramassi per prevenire cadute di sassi sulle strade e sulle abitazioni. Inoltre, abbiamo rifatto la strada nel centro storico di Mondonico in soli 45 giorni, ripristinando l’accesso al paese isolato. Anche nella zona del lago di Ganna siamo intervenuti per sistemare un franamento del terreno. Continueremo a vigilare sulla sicurezza stradale e a implementare misure necessarie per il benessere della comunità», spiega Jardini.

«Anche i reticoli idrici hanno richiesto interventi di messa in sicurezza, come ad esempio i lavori in corso sulla via Gesiola, in frazione Ganna, per contenere e convogliare in modo adeguato le acque in un’area che durante le forti precipitazioni veniva regolarmente allagata ed era oggetto di intasamento delle abitazioni da inerti trasportati dal torrente – va avanti la prima cittadina uscente -. Da non sottovalutare l’imbrigliamento del torrente Boggione per cui abbiamo disposto il rifacimento completo del tratto interrato che attraversa tutta la piazza nel centro storico di Ghirla e di cui è in corso il completo rafforzamento e senza il quale, a detta dei tecnici esperti del settore, tempo un anno o due sarebbe completamente crollato a causa dell’acqua che ha scavato sotto le fondazioni della volta».

In questo momento, inoltre, si stanno eseguendo i lavori di regimentazione del torrente Tre Lago sovrastante il campeggio, che durante le forti precipitazioni atmosferiche ha molte volte causato franamenti ed allagamenti pericolosi per l’incolumità delle persone.

Un grave problema di sicurezza nella Valganna, riscontrato dall’amministrazione, è rappresentato dall’attraversamento longitudinale della Valle tramite la Strada Statale SS 233, causando notevoli difficoltà, soprattutto per i pedoni. «All’inizio del nostro mandato – racconta ancora Jardini -, immediatamente abbiamo creato un sottopasso pedonale nel centro storico di Ganna, per migliorare un tratto particolarmente pericoloso. Successivamente, abbiamo dotato le frazioni di Ganna e Ghirla di attraversamenti luminosi e semafori sia sulla Statale che sulla Provinciale. Attualmente, stiamo progettando e finanziando ulteriori segnali luminosi e semafori nei punti critici del territorio. Inoltre, è in fase di affidamento l’appalto per l’allargamento della strada provinciale a Ghirla, vicino alle poste, al fine di eliminare una strozzatura causata da un fabbricato accessorio».

Anche lungo il lago di Ganna, in collaborazione con la Regione Lombardia ed il Parco Campo dei Fiori, seppure in ambito vincolato da “Parco Naturale”, «siamo riusciti a far eseguire un passo pedonale lungo la Strada Statale che porta al semaforo con attraversamento all’abitato della via Gesiola e con prolungamento del sentiero nel Parco che porta alle abitazioni in località Prato Asciutto», prosegue.

«Da considerare che da anni ci siamo impegnati ad attrezzare e potenziare la Protezione Civile anche in collaborazione con la Comunità Montana del Piambello – dichiara ancora Bruna Jardini -. Tra i molti interventi è stata riservata particolare attenzione all’eliminazione di piante cadute, così come a molte altre azioni di prevenzione e intervento sul territorio comunale. Ai fini della sicurezza personale della popolazione e dei visitatori abbiamo attrezzato tutte le quattro frazioni con apparecchi defibrillatori e fatto fare corsi di abilitazione per l’utilizzo a volontari locali».

Inoltre, si sta affrontando il problema della sicurezza lungo il percorso pedonale della Strada Statale che costeggia il lago di Ghirla. Infatti un tratto particolarmente pericoloso è quello dalla località Colibrì alla località Eden, in quanto la Statale, a suo tempo allargata inglobando la sede del Tram, ha creato un tratto che scende subito a scarpata sul lago togliendo ai pedoni la possibilità di percorrerla, se non camminando sulla sede stradale con notevole pericolo. Il condominio in località Eden, abitato da circa 10 famiglie, vive costantemente questo disagio. Inoltre questa area è frequentata dagli utenti del Parco della Comunità Montana del Piambello, soprattutto in estate, quando i parcheggi limitati costringono gli utenti a lasciare le auto lontano e percorrere la strada a piedi. In passato, la Provincia di Varese e il Comune di Valganna avevano progettato un marciapiede con un muro di cemento armato lungo la strada e il lago, ma il progetto è stato abbandonato per motivi paesaggistici, ambientali e di costo.

«Abbiamo ideato la costruzione di una leggera passerella marciapiede lungo la Strada Statale per garantire la sicurezza dei numerosi pedoni e promuovere il turismo nella zona, utilizzando fondi settoriali senza dipendere dal PNRR – commenta ancora la prima cittadina uscente -. La passerella, sollevata su piloni e immersa nel verde lungo la scarpata tra la Statale e il lago, ha un impatto naturale minimo ed è finanziata da quattro enti: il Comune di Valganna, la Comunità Montana del Piambello, il Bacino del Lago Ceresio, Piano e Ghirla, e principalmente dalla Regione Lombardia. Il progetto è stato valutato dalla Soprintendenza ai Monumenti di Milano per quanto riguarda la competenza paesaggistica e ambientale ed è stato approvato tramite comunicazione scritta».

Sempre ai fini della sicurezza, in questo caso della sponda opposta del lago di Ghirla, dopo quasi 10 anni di contenziosi e cause con privati, è arrivata la sentenza definitiva del Tribunale Amministrativo della Regione Lombardia, diventata esecutiva da poco. Tra le varie componenti in località Tre Lago è stato disposto l’abbattimento di circa trecento metri di muro che chiudeva la spiaggia non permettendone l’utilizzo a bagnanti e pescatori. Questo darà modo in un prossimo futuro ad un utilizzo libero dell’area, soprattutto a favore dei residenti.

Concludendo, «desideriamo sottolineare l’impegno costante della nostra amministrazione nel portare avanti numerosi progetti fondamentali per la salvaguardia del nostro territorio, per una sua fruizione rispettosa e per il benessere dei cittadini di Valganna. Mentre siamo soddisfatti dei risultati ottenuti finora, siamo altresì consapevoli che vi è ancora molto da fare. Riconosciamo che ci sono sfide in continua evoluzione che richiedono impegno costante e determinazione», spiega ancora.

«L’8 e il 9 giugno 2024 si terranno le elezioni comunali e noi ci ripresenteremo perché vogliamo continuare a impegnarci, affrontare le sfide future e perseguire un futuro ancora più luminoso per la nostra comunità. Insieme, possiamo costruire una Valganna ancora più fiorente, vivace, tutelandola e valorizzandola per tutti voi residenti, per chi ci tiene a questa Valle, per le generazioni a venire. Grazie per la fiducia che avete riposto in noi finora. Ancora insieme con Voi per la Valganna, possiamo fare grandi cose», conclude Jardini.

Tra novità e conferme, ecco com’è composta la lista candidati consiglieri “Con voi per la Valganna – Ancora Insieme”:

JARDINI BRUNA candidato sindaco nata a Valganna il 26.06.1966.

1. BIGNOTTI GIACOMO nato a Gazzada Schianno (VA) il 02.05.1949.
2. CIULLO MARIAROSARIA nata a Napoli il 17.05. 1964.
3. BOTTACIN MIRCO nato a Valganna il 18.07.1964.
4. DE GRANDI ELISABETTA nata a Varese il 22.11. 1966.
5. ORELLI PIERA nata a Varese il 12.09.1968.
6. BORELLINI FRANCESCO nato a Varese il 25.10.1974.
7. COSENTINO GIOVANNA LUISA nata a Milano il 06.04.1975.
8. CULELLO MASSIMO nato ad Angera il 17.05.1980.
9. DEL PRETE GENNARO nato a Pollena Trocchia il 02.02. 1998.
10. RIVALETTO STEFANO nato a Varese il 23.07. 1999.

© Riproduzione riservata

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127