Cittiglio | 31 Luglio 2023

PNRR e dissesto, a Cittiglio un milione di euro per lavori sul Sasso del Ferro

Altri 200mila euro di fondi regionali per intervenire al Mulino della Valle e 650mila tra Regione e Comunità Montana per lavori al Ghetto. Continua la messa in sicurezza delle cascate, ancora chiuse

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Tra i paesi che in questi ultimi anni sono stati colpiti più duramente dagli effetti del dissesto idrogeologico c’è sicuramente Cittiglio. Numerosi sono stati gli interventi messi finora in campo per rimettere in sicurezza la montagna, il Sasso del Ferro, e il reticolo idrico, ma resta ancora molto da fare.

Tutti lavori che, per essere portati avanti, hanno avuto bisogno del sostegno di importanti contributi regionali o statali, come l’ultimo in ordine di tempo, da poco confermato: un milione di euro che il Comune ha ottenuto grazie al PNRR e che verrà utilizzato per finire i lavori in Sciareda.

«Siamo soddisfatti perché è un investimento importante sulla nostra montagna – commenta la sindaca Rossella Magnani – Si tratta di un progetto per intervenire su uno dei canaloni più pericolosi che, una volta messo in sicurezza, tutelerà le abitazioni presenti in quella zona, ma anche la provinciale, la ferrovia e il Boesio».

Oltre a questi fondi ottenuti attraverso il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, altri 200mila euro sono stati assegnati, questa volta da Regione Lombardia, per realizzare un muro di contenimento nella zona della frana del Mulino della Valle, mentre con altri 650mila euro di contributi regionali e di Comunità Montana Valli del Verbano, entro fine anno, partiranno anche i lavori nell’area del Ghetto.

Nel mentre continuano anche gli interventi di messa in sicurezza delle cascate di Cittiglio che, finora, stanno procedendo bene, ma, sottolinea Magnani, «non sono ancora sufficienti per poterle riaprire al pubblico».

«Parteciperemo a un nuovo bando per ottenere il finanziamento necessario finire i lavori e poi attualizzare l’area con un progetto concreto dal punto di vista turistico. Il nostro obiettivo – conclude la prima cittadina – è di riuscire a riaprirle entro la fine del mandato, ma tutto dipende dai fondi e dal livello di sicurezza che verrà ufficializzato dai geologi e dagli enti competenti».

© Riproduzione riservata

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127