Venegono | 21 Novembre 2021

Basket, Serie C Silver: Luino non si dà per vinta e la spunta nei supplementari

Grande prova di cuore per la PVL che insegue gli avversari e poi si aggiudica il match ai tempi supplementari. Ventitré punti Lo Biondo, diciotto Moalli

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Finale al cardiopalma per la CMT Pallacanestro Virtus Luino che dopo aver portato a casa il primo parziale, è poi costretta ad inseguire Venegono per tutto l’arco della partita. I padroni di casa non riescono mai a chiudere definitivamente i conti e sul finale subiscono la rimonta luinese che porta l’incontro ai tempi supplementari. Negli ultimi cinque minuti, sono i ragazzi di coach Senesi ad emergere e a portare a compimento una rimonta straordinaria, nonostante le rotazioni ormai ridotte all’osso.

Procediamo però con ordine, partendo dalla frazione iniziale (terminata 12-14), che ha visto un unico dominatore: Lo Biondo (23). Con 10 dei suoi punti messi a segno nei primi 10’ di gioco, Lo Biondo ha letteralmente dominato sia sotto canestro che oltre la linea dei tre punti, dando prova di essere un realizzatore formidabile, capace di trascinare la squadra con le sue prestazioni. Dall’altra parte ha iniziato bene il match Freri (12), ma così come all’andata dopo il primo quarto si è progressivamente eclissato dalla partita.

Dopo un primo periodo caratterizzato da un punteggio basso nonostante il buon livello, il secondo ha visto cambiare questa tendenza, in favore della squadra di casa. Con un parziale di 27-17, la squadra di coach Gergati ha dato una decisa spallata al match, prendendone le redini. Dopo essere arrivati anche sul +14 grazie ad uno scatenato Cattalani (17) e al buon apporto di Persico (10) dalla panchina, sul finale del primo tempo è arrivata una reazione degli ospiti, i quali con un parziale di 0-6 hanno accorciato le distanze prima dell’intervallo, terminando sul 39-31.

La squadra di casa ha preso le misure e la PVL si è fatta cogliere alla sprovvista. L’equa distribuzione dei punti in casa Virtus non è bastata per tenere testa a Venegono, che ha tirato con ottime percentuali. Lo Biondo si è preso qualche meritato minuto di riposo, ma nessuno dei suoi compagni è sembrato in grado di assumersi quello che era stato il suo compito fino a quel momento.

Il vantaggio creato dai venegonesi nel secondo quarto, è stato mantenuto anche nel terzo. Nonostante i vari e ripetuti tentativi di tornare a contatto da parte della CMT, Venegono ha resistito cercando di non perdere i punti di distacco. Le formazioni si sono sostanzialmente equivalse e a testimoniarlo c’è anche il terzo parziale (18-19). Moalli L. (18), andato a segno per la prima volta nella seconda frazione, ha iniziato ad alzare i giri del motore proprio nella terza, ponendo le basi per una prestazione stentorea: “doppia doppia” da 18 punti e 15 rimbalzi.

Conscia di avere solamente un’altra possibilità di riaprire la partita, Luino si è rimboccata le maniche ed ha raggiunto il proprio obiettivo ad una manciata di secondi dal termine dei 40’ regolamentari. Colpevole di non aver chiuso prima la partita, Venegono è stata sorpresa dalla reazione dei lacuali, che pur privi del capitano Gubitta (4, espulso per proteste nel terzo periodo) e costretti a fare a meno del miglior marcatore Lo Biondo (uscito dalla partita per aver raggiunto il limite dei cinque falli personali nell’ultima frazione), sono riusciti a rimontare gli avversari fino al raggiungimento della parità a quota 70 punti sulla sirena finale.

Moalli insieme a Del Bosco (17), il quale si conferma in notevole crescita nelle ultime partite, suonano la carica e guidano la rimonta, dimostrandosi infallibili dalla lunetta anche sotto pressione. Venegono appare in difficoltà e nonostante la PVL avesse ridotto le rotazioni ai soli cinque membri del quintetto, non riesce più a mantenere il controllo della partita come nei precedenti due quarti e viene beffata quasi allo scadere dal tiro libero di Palazzi (6), che regala la parità e i tempi supplementari alla propria squadra.

Nel primo tempo supplementare, fin dai primi possessi, Luino è apparsa come la squadra più motivata a completare l’opera. Chiamati agli straordinari, Moalli, Del Bosco, Palazzi e Pehar (11), insieme a Bertani (6, autore di due canestri importanti nel finale), hanno dato il tutto per tutto conquistando la vittoria con il punteggio finale di 85-80, resistendo così ai tentativi dei padroni di casa di non vedersi sfuggire di mano la vittoria.

Sarà sicuramente soddisfatto coach Senesi, capace di motivare e supportare costantemente i propri giocatori nella parte centrale del match, quando la rimonta sembrava impossibile, e di trovare la chiave giusta per dare una svolta alla partita, strappando con le unghie e con i denti i due punti in palio, soltanto sfiorati da Venegono. Ora la Virtus dovrà sfruttare l’entusiasmo derivato da questa importante vittoria per affrontare un’altra giornata di campionato lontano da casa, in quel di Daverio.

Basket Venegono: Cattalani 17, Fedrigo 14, Freri 12, Persico 10, Cassani 9, Croci 7, Maruca 4, Angiolini 4, Moalli N. 3, Adolfatto ne, Beati ne, Piran ne. All. Gergati

CMT Pallacanestro Virtus Luino: Lo Biondo 23, Moalli 18, Del Bosco 17, Pehar 11, Bertani 6, Palazzi 6, Gubitta 4, Ciotti, Vescovi ne, Nagero ne, Guali ne. All. Senesi, vice Spertini.

Classifica: Marnatese* 16, Castronno* 12, CMT Pallacanestro Virtus Luino 12, Casoratese* 10, Daverio 8, Venegono 6, Campus Varese 2, Virtus Olona* 2.

(* una partita in meno)

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127