Roma | 21 Ottobre 2021

Green Pass, M5S: “Con i nostri emendamenti tuteliamo il diritto al lavoro e alla salute”

A dirlo è il deputato Invidia: "Tra le proposte ci sono anche lo stop all’obbligo di Green pass per chi lavora all’aperto, in modalità isolata o in lavoro agile"

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Migliorare il decreto istitutivo del Green pass per l’accesso ai luoghi di lavoro, tutelando il diritto al lavoro e quello alla salute nell’ultimo miglio della campagna vaccinale. Sono i principi alla base degli emendamenti che abbiamo presentato al Senato e che hanno visto il contributo dei parlamentari del Movimento 5 Stelle di entrambe le Camere”.

Lo afferma in una nota Niccolò Invidia, parlamentare di Veddo, Maccagno con Pino e Veddasca, appartenente al MoVimento 5 Stelle delle commissioni Lavoro di Montecitorio e Palazzo Madama.

Tra le diverse proposte di modifica depositate – spiega – ci sono anche lo stop all’obbligo di Green pass per chi lavora all’aperto, in modalità isolata o in lavoro agile, come peraltro indicato dal Garante della privacy; la non sanzionabilità dei lavoratori per i quali la validità del certificato scada durante lo svolgimento della prestazione lavorativa; la riduzione a 5 euro del costo dei tamponi per tutti i lavoratori; il calmieramento del prezzo degli stessi per coloro che hanno redditi bassi. Si tratta di proposte di buon senso che intendono rispondere alle richieste del mondo del lavoro e dei lavoratori, su cui auspichiamo un’ampia convergenza da parte degli altri gruppi parlamentari”.

“Con il lavoro parlamentare delle prossime settimane e con il prosieguo della campagna vaccinale, porremo le basi per arrivare al superamento delle restrizioni attuali, a partire dai luoghi di lavoro”, conclude il pentastellato.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127