Luino | 15 Ottobre 2021

Luino, lavori in piazza Libertà: “Non ci saranno più le quattro colonne”

Ieri incontro tra l'amministrazione, i tecnici di Alfa srl e gli esercenti della piazza. Confronto su disagi e tempistiche del progetto per la vasca di prima pioggia

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Le quattro colonne di piazza Libertà saranno abbattute e portate via, ma non saranno più posizionate sul lungolago di Luino. Ad annunciarlo ieri pomeriggio, durante l’incontro tra l’amministrazione comunale, i tecnici di Alfa srl e gli esercenti della zona, è stato il sindaco Enrico Bianchi, presente in sala consiliare insieme all’assessore al Turismo Serena Botta, all’architetto Francesca Contini e al geometra Alberto Costa.

Il tema dell’incontro è stato il disagio che il cantiere in piazza Libertà, per la realizzazione della vasca di prima pioggia, comporterà nei confronti dei tanti bar, ristoranti e negozi che ci sono in piazza. I lavori nei pressi dell’Imbarcadero, inseriti in un più ampio contesto di sistemazione della rete fognaria, per un progetto totale di 6 milioni di euro circa, inizieranno nella prima metà di novembre e termineranno a giugno 2022.

Dobbiamo valutare gli aspetti positivi che queste opere comporteranno nel tempo – ha commentato il primo cittadino -. La situazione della rete fognaria diventerà adeguata e rispetterà l’ambiente. Certo avere una soluzione senza disagi sarebbe ideale, ma purtroppo non è possibile. Come amministrazione e i tecnici di Alfa ci siamo confrontati a lungo per avviare l’intervento nel rispetto di quelli che vivono e lavorano in piazza. Si tratta di un’opera importantissimo, che riguarderà anche altri punti della rete fognaria del Comune, così come interverremo sull’impianto di depurazione per renderlo adeguato al fine di garantire maggiore efficienza e risparmio sulla gestione”.

L’amministrazione, in questo periodo, ha seguito e seguirà il progetto e i lavori, vigilando su modalità e tempi, ma ha piena fiducia nella professionalità e nelle competenze della società. “Abbiamo presentato alcuni obiezioni tecniche in questo periodo – è andato avanti Bianchi -, ma questa è la miglior soluzione possibile, anche da un punto di vista di posizionamento della vasca, come afferma la relazione di Alfa srl”.

A spiegare più nel dettaglio e presentare tutti gli interventi è stato l’ingegner Dario Sechi, a fronte di tutti i rilievi compiuti da Alfa srl in questi anni e all’attività di modellazione, realizzata grazie ad alcuni software di ultima generazione utili a capire il funzionamento della rete fognaria in diverse situazioni di precipitazioni. “La rete – ha affermato l’ingegnere – non rispetta da tempo il regolamento regionale. Vi sono malfunzionamenti che, purtroppo, portano ad inquinare le acque del lago. Con questo investimento corposo, però, con una commessa di 6 milioni di euro, vogliamo superare le criticità tecniche e, lato amministrativo, superare la procedura di infrazione della Comunità Europea. Se non interveniamo velocemente sono previste sanzioni ingenti”.

L’intervento sarà concentrato nel periodo di bassa stagione, per cercare di tutelare bar, ristoranti e negozi, mentre fortunatamente l’amministrazione, insieme alla ditta esecutrice dei lavori, è riuscita a garantire, con un restringimento delle corsie in piazza, il doppio senso di circolazione, che non era previsto fino all’ultimo step del progetto definitivo.

Saranno interessate dai lavori anche l’ex area Svit e via XV Agosto, piazzale e strada in cui si ospita il mercato del mercoledì, ma fortunatamente in questi casi gli interventi saranno meno invasivi rispetto alla zona dell’Imbarcadero.

A porre domande all’amministrazione e ai tecnici di Alfa srl, esprimendo i disagi che comporteranno i lavori e alcuni suggerimenti sono stati diversi esercenti della zona: Marianna Miserti dell’edicola “L’Angolo Quotidiano”, Giovanni Rossinelli del noto bar “SottoSopra” e Mario Muraca del ristorante-pizzeria “Bar Turismo”. Oltre alle richieste puntuali su alcune questioni pratiche e sugli orari di attività, dalle 7 alle 18 dal lunedì al venerdì, ed in alcune occasioni anche il sabato mattina, è stato proposto di recintare l’area cantiere in modo tale da rendere più “gradevole” la vista.

A chiudere l’incontro è stato il sindaco Enrico Bianchi: “Piazza Libertà è un tema di discussione da oltre vent’anni, tra persone a cui piace e persone che dopo il rifacimento non la amano. Sarà impossibile mantenere la pavimentazione nel modo in cui la vediamo ora, perché servirebbe rimuovere il materiale granitico come un mosaico. La stessa cosa è prevista per le quattro colonne, quindi non si possono rimettere una volta terminati i lavori. Questo ovviamente comporterà un ripensamento della piazza, che stiamo già facendo con diverse valutazioni. Sarà nostra responsabilità capire in che modo realizzarla, ma ascolteremo le esigenze dei tutti. Vogliamo garantire un utilizzo di 365 giorni l’anno, non stagionale: auspichiamo diventi un luogo di incontro per cittadini e turisti”.

L’amministrazione comunale ha aperto alla possibilità di andare incontro alle esigenze degli esercenti che subiranno questi disagi. Infine, oltre piazza Libertà, entro giugno 2022, mese in cui finirà il primo lotto di interventi, saranno sistemate altre vie come viale Dante, via XV Agosto, piazza Risorgimento, via Battisti, piazza Garibaldi, via Veneto, via Cairoli, via XXV Aprile.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127