EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Porto Ceresio | 14 Ottobre 2021

Porto Ceresio, il sindaco Prestifilippo svela vicesindaco e assessori

Il consiglio comunale di insediamento sarà lunedì prossimo. Il suo vice sarà Domenico Carcillo, assessori Monia Casale, Andrea Tonali e Davide Sandrini

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Dopo la vittoria alle elezioni amministrative dello scorso 4-5 ottobre, lunedì prossimo si insedierà ufficialmente, a partire dalle ore 18, il nuovo consiglio comunale di Porto Ceresio. Nella giornata di ieri il primo cittadino Marco Prestifilippo, tramite un decreto del sindaco, ha reso noti gli incarichi e le deleghe di assessori e consiglieri di maggioranza.

Il ruolo di vicesindaco è stato affidato a Domenico Vincenzo Carcillo, ai quali vanno le deleghe a Attuazione del programma, Rapporti con il consiglio comunale, Informazione e partecipazione, Istruzione e Servizi educativi. A Monia Casale, invece, vanno quelle alle Politiche sociali, Volontariato, Diritti civili e Integrazione, mentre le deleghe allo Sviluppo commerciale, Sicurezza, Viabilità, Parcheggi, Turismo e Cultura le ha prese Andrea Tonali. A Davide Sandrini, infine, sono andate le deleghe a Infrastrutture, Cura e manutenzione del territorio e del patrimonio, Arredo urbano, Garante pulizia del paese, Innovazione e Rapporti con i quartieri.

Diverse anche le deleghe affidate ai consiglieri comunali di maggioranza: ad Antonello Bertuca quelle ai Frontalieri, Ambiente, lago, montagna e difesa degli animali, a Franco Fraquelli quelle allo Sport e Rapporti con associazioni, a Franco Alfredo De Domenico la Sanità territoriale e, infine, a Monica Bruttomesso Bilancio, Gestione delle risorse e Bandi.

E così a pochi giorni dal consiglio comunale abbiamo intervistato direttamente il neo-sindaco 31enne. Come sono andate la campagna elettorale e l’esito del voto?

È stata una campagna elettorale dura e molto emotiva. Le persone, però, hanno scelto e ci hanno dato fiducia. Noi dovremo ripagarla pensando alle priorità di Porto Ceresio, rispettando tutti i cittadini anche quelli che non ci hanno votato.

E quali sono le vostre priorità?

Anzitutto, dopo un anno di commissariamento, bisogna far ripartire l’attività ordinaria dell’amministrazione, partendo dall’illuminazione pubblica, arrivando al verde e alle manutenzioni. Abbiamo preso in mano queste situazioni e bisogna reimpostare la macchina amministrativa autonomamente per ripartire.

Quali criticità state riscontrando?

A Bilancio dovremo inserire peculiarità per risolvere i problemi sul territorio, soprattutto per quanto riguarda situazioni e cantieri già in corso. Per questa ragione, infatti, abbiamo già contattato le ditte che devono concludere lavori sia per quanto riguarda le rete idrica, nelle vie interne, sia per l’asfaltature di alcune strade.

Quali sono i progetti sui quali vi siete già messi al lavoro?

Come dicevo, prima di tutto, abbiamo dato mandato ai nostri dipendenti di mettersi al lavoro per ripulire il territorio, soprattutto le caditoie. C’è un rischio idrogeologico quando si abbattono intense precipitazioni, quindi si tratta di un lavoro di prevenzione. In secondo luogo vogliamo sistemare il parco giochi, il tallone d’Achille delle ultime amministrazione. Entro fine ottobre dovrebbe finire l’intervento di ristrutturazione del parco, ma al momento non l’area dei giochi. Poi dovremo avviare la concessione per la gestione del bar e del parco. Più che puntare al guadagno sulla gestione, vogliamo garantire servizi ottimali. Non da ultimo, poi, vogliamo anche avviare la concessione della spiaggia del centro, in modo tale che il gestore possa noleggiare attrezzature. La spiaggia rimarrà ad accesso libero, ma così sarà sempre pulita.

Proprio in riferimento al lago, sui social network, soprattutto sui gruppi Facebook locali, spesso troviamo post di denuncia su sversamenti di liquami nel Ceresio. Cosa ne pensate?

Affronteremo il tema nelle sedi opportune, conosciamo da anni la situazione. Punteremo a parlare di meno sui tavoli di lavoro politici, ma maggiormente su quelli tecnici con gli enti adeguati.

Per lo sviluppo del territorio sono importanti i progetti Interreg. Quale sarà l’indirizzo, in questo campo, della vostra amministrazione?

In passato ci sono stati alcuni errori che si sono aggiunti ai motivi che hanno fatto cadere la scorsa amministrazione, ad esempio quello del Museo diffuso, che sarebbe dovuto nascere con la ristrutturazione dell’edificio RFI, l’ex dormitorio. Il finanziamento previsto è pari a 533mila euro, per la sistemazione del fabbricato e di alcune aree esterne, ma non è previsto niente per la gestione futura. In teoria RFI ci dovrebbe dare in comodato d’uso per 15 anni la struttura, ma come Comune non ci sentiamo di spendere un euro in questo senso. Vogliamo partecipare a bandi che ci permettono di sviluppare Porto Ceresio concretamente, non sovraccaricare gli uffici comunali di lavoro senza avere in mente un’idea di destinazione d’uso dei fondi.

Ma questo non potrebbe essere un problema per lo sviluppo del turismo?

Il nostro obiettivo è quello di rendere il turismo più costante, creando offerte e sinergie tra lago e montagna per far rimanere i turisti, soprattutto quelli stranieri, qua a Porto. Non più avere turisti “mordi e fuggi”, il cosiddetto turismo passivo, ma attivo. In questa direzione va anche la nostra volontà di dare in concessione la spiaggia, aumentando così l’offerta turistica.

Su quali altri aspetti state lavorando?

Sicuramente prenderemo contatti con Enel Sole per l’acquisizione della rete di illuminazione pubblica. L’intento è quello di incentivare il risparmio energetico e la sostenibilità e come stanno facendo in tanti paesi dell’alto Varesotto, puntare sull’illuminazione a led. Un altro aspetto è quello di migliorare la sicurezza stradale sull’ex SP61, ora strada statale di competenza di Anas. Infine un occhio al Natale: stiamo cercando di pianificare qualcosa di innovativo per la stagione turistica. Faremo un primo incontro con le associazioni nei prossimi giorni per capire come poterci organizzare.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127