Varese | 12 Ottobre 2021

Alto Varesotto: postino “infedele” e sotto l’effetto di droghe, assolto

L’uomo era stato fermato nel 2017 da una pattuglia della Polizia e accusato di aver sottratto carte di credito a tre persone e di guidare sotto l’effetto di droghe

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Era stato fermato nel mese di agosto 2017 da una pattuglia del Settore Polizia di Frontiera di Luino mentre si trovava a bordo dell’autovettura di Poste Italiane nella zona di Bedero Valcuvia: addosso gli agenti gli avevano trovato tre carte di credito che il postino “infedele” aveva sottratto dalle relative buste cha aveva il compito di recapitare ai rispettivi destinatari (senza averle però mai potute utilizzare, in quanto non ancora attivate dai legittimi proprietari).

Inoltre la zona in cui era stato fermato – nota per diversi episodi di spaccio di droga nelle aree boschive – e le condizioni di alterazione in cui il postino era stato sorpreso avevano fatto scattare per lui la denuncia di guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Il fatto aveva suscitato molto scalpore nelle zone dell’alto Varesotto, dove il postino – non più alle dipendenze della società fin dall’accaduto – era molto amato e conosciuto da tutti gli abitanti.

L’epilogo di questa vicenda si è avuto ieri, lunedì 11 ottobre, quando, dopo anni di accertamenti e indagini coordinati dal dottor Flavio Ricci della Procura di Varese, il Giudice del Tribunale di Varese ha assolto il dipendente “infedele” di Poste Italiane. L’avvocato Daniele Pizzi, difensore del postino, ha infatti eccepito come i tre legittimi proprietari delle carte di credito non avessero mai sporto querela: anzi, uno dei tre, comparendo personalmente in udienza, ha specificato che non avendo subito alcun ammanco di denaro non sarebbe stata sua intenzione procedere nei confronti del postino. Prendendone atto, il giudice Davide Alvigini ha dichiarato di non doversi procedere nei suoi confronti.

Sorte analoga per l’accusa di essersi messo alla guida dell’auto di servizio sotto l’effetto di sostanze stupefacenti: l’avvocato Pizzi ha infatti esibito in Tribunale un referto di pronto soccorso che rilevava come il campione di sangue prelevato al proprio assistito in occasione del controllo il Pronto Soccorso a Luino non fosse compatibile con lo stato di alterazione denunciato dagli agenti.

Risultato: assoluzione piena, con l’imputato sicuramente felice di aver visto cadere ogni accusa nei suoi confronti, ma con un futuro che è comunque ormai lontano dal mondo di lettere e francobolli che lui tanto amava.

Vuoi lasciare un commento? | 1

Una replica a “Alto Varesotto: postino “infedele” e sotto l’effetto di droghe, assolto”

  1. EB961L1 ha detto:

    Ma per piacere!

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127