Giappone | 2 Settembre 2021

Tokyo 2020, la Paralimpiade di Federico Morlacchi si chiude con un quarto posto

Il nuotatore luinese ha sfiorato la medaglia di bronzo per soli venti centesimi, mentre Barlaam ha raggiunto un altro argento. Azzurri critici sull’australiano Martin

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Venti centesimi: una frazione di tempo davvero minima quella che ha separato Federico Morlacchi dall’agguantare una medaglia di bronzo nei 100 farfalla S9.

Il nuotatore luinese, entrato in finale con il quarto tempo complessivo, è stato superato dal russo Alexander Skaliukh, mentre il connazionale Simone Barlaam è riuscito a centrare un altro argento dopo quello della staffetta 4×100 stile.

Un’ultima Paralimpiade “amara” dal punto di vista dei risultati per Morlacchi che, complici anche alcuni dolori alla schiena e una squalifica nella batteria dei 200 misti che aveva chiuso in seconda posizione, non è riuscito a finalizzare con una medaglia questi giochi per i quali ha avuto il grande onore di essere, insieme a Bebe Vio, il portabandiera della spedizione azzurra.

Non sono mancate, da parte dello stesso campione luinese e di Barlaam, alcune critiche per il cambio di classificazione dell’australiano William Martin, che ha vinto la medaglia d’oro stampando anche il nuovo record del mondo, che è passato dalla categoria S10 alla S9 per un peggioramento delle sue condizioni. Un fatto che ha in qualche modo “compromesso”, secondo i due azzurri, i risultati della gara, dal momento che l’aussie ha una difficoltà a livello cerebrale, ma è fisicamente integro, a differenza degli altri atleti S9. Senza di lui, con tutta probabilità, sarebbe arrivata la medaglia anche per Federico Morlacchi. (Foto © CIP/Bizzi)

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127