EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Casalzuigno | 22 Giugno 2021

Arcumeggia, il borgo si colora di “bellezza” con arte e fotografia

Il meraviglioso borgo della Valcuvia si colora grazie all'esposizione “Ugo La Pietra artista ad Arcumeggia”, promossa da Sangalleria e dal Museo della Fotografia

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Nel borgo dipinto della Valcuvia è stata inaugurata la scorsa domenica pomeriggio la mostra “Ugo La Pietra artista ad Arcumeggia”, promossa da Sangalleria, Museo della Fotografia Arcumeggia e Progetto Logos, con una sinergia fra la metropoli, Milano, e la suggestiva Arcumeggia.

L’iniziativa si sviluppa in due sedi espositive: alla Sangalleria “Abitare la città” e al Museo della Fotografia la mostra fotografica dal titolo “Ritratto”.

“Abitare la città” propone dodici opere storiche, tese ad indagare la città meneghina nelle sue forme urbane, attraverso spazi e accessori urbani, individui e contraddizioni socio-antropologiche, che fanno di Milano la capitale culturale della Lombardia.

Ugo La Pietra, artista – architetto, con i suoi lavori (“Occultamento della forma urbana, gli Intellettuali, Milano storica, Al capolinea” e altri) capovolge la visione distratta e paludata dell’osservatore e con sagace ironia propone una nuova dimensione artistica, esistenziale e urbana del capoluogo. Durante l’evento sono disponibili alcune recenti pubblicazioni dell’autore: “Abitare è essere ovunque a casa propria” edizioni Corraini, e “Arte e territorio” edizioni Manfredi.

“Ritratto” è il titolo della mostra fotografica Museo della Fotografia, situato accanto alla Sangalleria: diciotto opere fotografiche in bianco e nero, d’inusuale bellezza, scatti del fotografo Vincenzo La Pietra.

In occasione della mostra, è presentata in anteprima al pubblico l’ultima fatica editoriale del professor Ugo La Pietra, dal titolo “Ritratto di mia madre” edizioni 2021, Arti Grafiche Castello Viadana MN. L’artista ripercorre attraverso racconti e riflessioni un percorso di affetto filiale, una narrazione che analizza un’intera esistenza, fatta di luoghi, persone e affetti, corredata da fotografie in bianco e nero.

Sangalleria e Museo della Fotografia sono curati e gestiti da Luigi Sangalli e Flavio Moneta, instancabili promotori di iniziative culturali e artistiche in Arcumeggia.

La presentazione critica è stata affidata alla dottoressa architetto Monica Forte, mentre l’evento è a cura del professor Mintoy, del dottor Flavio Moneta e del direttore Luigi Sangalli; fotografia, graphic designer e allestimenti, invece, sono a cura di Valerio Lorenzo Moneta.

La mostra potrà essere visitata, con ingresso gratuito, sino al 20 luglio, il sabato e la domenica dalle ore 15 alle ore 18.  Per ulteriori informazioni chiamare il numero 339 5297073, inviare una mail all’indirizzo sangalleria.arcumeggia@gmail.com o visitare il sito internet www.sangalleria.com.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127