EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Varese | 12 Giugno 2021

Marchirolo, la lite fuori dal bar finisce a coltellate

Un trentatreenne è a processo con l'accusa di lesioni gravissime, inflitte ad un conoscente dopo un litigio per una ragazza. Rischia dai sei ai dodici anni di carcere

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Rischia una pena che va dai sei ai dodici anni di reclusione il trentatreenne a processo a Varese per lesioni personali gravissime, inflitte il 25 luglio di otto anni fa, con un coltello, ad un suo conoscente. Fuori da un bar di Marchirolo.

La persona che a seguito di quella aggressione ha riportato uno sfregio permanente al viso, è un quarantasettenne del paese che si è costituito parte civile nel procedimento. “Un processo che aveva già vissuto una prima fase davanti al giudice monocratico, nel 2015 – si apprende dalle pagine del quotidiano La Prealpina – poiché inizialmente era stato contestato il reato di lesioni ‘semplici’. La modifica del capo d’imputazione aveva però portato il fascicolo davanti al gup e, quindi, al collegio”.

I due, si apprende ancora dalle pagine del quotidiano locale, avevano discusso, alcuni giorni prima del fatto, per una ragazza. La fidanzata del quarantasettenne. Si erano poi rivisti casualmente fuori da un bar di Marchirolo e lì era scattata la resa dei conti.

Dagli insulti si era passati alle mani e poi era spuntato il coltellino che l’imputato, stando a quello che ha raccontato in aula, avrebbe impiegato a scopo difensivo, in quanto l’altro uomo avrebbe cercato di colpirlo alla testa con un boccale di birra. I fendenti furono cinque, al petto e al volto. La sentenza è attesa per la fine di giugno.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127