Maccagno con Pino e Veddasca | 9 Maggio 2021

Maccagno, studenti e carabinieri a confronto sulla prevenzione delle dipendenze

Gli alunni della seconda media hanno dialogato con il capitano Volpini riflettendo sulle motivazioni e sulle conseguenze dell’uso delle sostanze stupefacenti

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Lo scorso venerdì 7 maggio, presso la scuola secondaria “L. da Vinci” di Maccagno con Pino e Veddasca – dopo un primo incontro tra l’Arma dei Carabinieri e tutte le classi per diffondere la cultura della legalità – la classe seconda, grazie alla disponibilità e competenza del Capitano Alessandro Volpini e del Luogotenente Luigi Belcastro, ha potuto approfondire il tema della prevenzione delle dipendenze e, in particolare, quella dalla droga che è sempre più diffusa tra i giovani, non soltanto nelle grandi città metropolitane. L’adolescenza è, infatti, un periodo delicatissimo in cui si affrontano o si nascondono le proprie fragilità, si iniziano a vivere le proprie esperienze positive o negative.

Il Capitano Volpini ha iniziato a spiegare agli alunni il significato del termine “dipendenza”, elencando le principali sostanze stupefacenti e soffermandosi in particolare su quelle più utilizzate tra i giovani spiegando come, purtroppo, il mercato delle droghe sia molto prospero e se ne diffondano sempre di nuove. Il comandante della Compagnia luinese ha cercato soprattutto di far riflettere gli studenti sui motivi che spingono i ragazzi a farne uso e sulle conseguenze sia sul piano fisico, mentale e legale.

Con questa lezione è dunque proseguito un dialogo proficuo perché solo attraverso la conoscenza di alcuni argomenti si può fare una buona e corretta prevenzione. I ragazzi e i docenti presenti hanno partecipato attivamente alla discussione facendo domande e palesando il proprio punto di vista su un argomento tanto delicato che avrebbe ancora più bisogno di essere approfondito.

La scuola ringrazia nuovamente il Capitano Volpini, il Luogotenente Belcastro, la Dirigente Scolastica dell’IC “B. Luini”(al quale appartiene il plesso maccagnese) Raffaela Menditto e i genitori degli alunni, sempre più attenti ai pericoli diffusi tra le nuove generazioni. Di seguito una breve relazione stesa da due alunne della classe dopo l’incontro.

Il giorno 7 maggio 2021, noi 2° media di Maccagno abbiamo avuto la fortuna di poter approfondire l’argomento delle dipendenze, con il capitano dei Carabinieri di Luino, Alessandro Volpini. Per iniziare ci ha spiegato cos’è la droga: una sostanza che se inalata, iniettata o ingerita provoca problemi sia fisici che mentali. Ci ha parlato dei diversi tipi di droghe che esistono, come: la cocaina, l’ecstasy, la marijuana, l’eroina, lo shaboo… ci ha anche detto che è proprio la quantità di droga assunta che fa la differenza, infatti una piccola quantità può causare sia effetti temporanei che a lungo termine mentre una maggiore quantità può provocare anche la morte. Nella maggior parte dei casi la droga provoca una dipendenza da cui è molto difficile uscire. Le droghe sono sia artificiali (anfetamine, ecstasy…) sia naturali (cocaina, marijuana…). L’acido lisergico (LSD) è l’allucinogeno più diffuso; la marijuana invece è la più conosciuta, spesso infatti si trovano negozi che vendono prodotti con sopra appunto, la foglia di marijuana. Il commercio di queste sostanze è gestito dalla Mafia. In complesso le droghe rovinano mentalmente e fisicamente la persona che le assume. Infine, ci ha chiesto se noi eravamo favorevoli alla legalizzazione delle droghe leggere, e ognuno ha potuto esporre il suo parere a riguardo. La nostra opinione è che bisognerebbe utilizzare le droghe solo per scopo medico o terapeutico.

Pelucchi Kea e Casoli Emma (Classe 2^ Media)

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127