EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Varesotto | 6 Maggio 2021

Covid, indici in calo nell’alto Varesotto. A Laveno ancora alta l’incidenza dei positivi

Dati in miglioramento nel Luinese e nell’Arcisatese. Scende anche l’età media dei contagiati. Il direttore sanitario di ATS Catanoso: “Una riduzione che fa ben sperare”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Dopo il balzo di nuovi positivi al Covid-19 registrato nell’ultima settimana di aprile nel territorio dell’ATS Insubria – che aveva fatto preoccupare non poco le autorità sanitarie – negli ultimi giorni la situazione sembra essere tornata a virare verso una “riduzione dei contagi che fa ben sperare per il futuro”, come afferma il direttore sanitario Giuseppe Catanoso, il quale riconosce comunque la necessità di continuare a “prestare la massima attenzione”.

Nessuna preoccupazione, al momento, per la diffusione della variante indiana della quale, finora, non sono stati rilevati casi, perlomeno in questa zona della Lombardia: prosegue in maniera consistente il monitoraggio di tutti i passeggeri che sbarcano all’aeroporto di Malpensa da voli provenienti da India, Bangladesh e Sri Lanka, per i quali è prevista una quarantena di dieci giorni all’interno dei Covid hotel individuati per l’occasione.

Nel territorio di competenza dell’Agenzia di Tutela della Salute, che comprende la provincia di Varese e parte del Comasco, i tamponi effettuati dal 30 aprile a oggi sono 39.685 e la percentuale di quelli risultati positivi, 4.189, è pari al 10,6%. I nuovi positivi sono 2.290, in calo rispetto ai dati relativi alla scorsa settimana (-373) così come l’incidenza per 100mila abitanti che scende da 180,01 a 154,80.

La diminuzione dei numeri risalta anche dai grafici relativi alle metriche dei nuovi positivi e dell’età media di questi ultimi che si è ora assestata intorno ai 40 anni: sono infatti sempre di più i giovani che tendono a contagiarsi in questa fase, ha riconosciuto Catanoso. Anche l’indice RDt – l’indice di replicazione diagnostica calcolato sulla base della data di notifica della positività –, dopo esser risalito sopra l’1 nel periodo compreso fra il 23 e il 29 aprile, è ora tornato al di sotto del limite di guardia.

Stringendo lo sguardo sul Varesotto in modo particolare, i nuovi contagi rilevati sono 1.348 su 23.407 tamponi processati e l’incidenza, nell’arco di una settimana, è calata da 186,44 a 151,03.

Dai dati resi disponibili dall’ATS, nell’area che pertiene all’ASST Sette Laghi, dopo la discesa cominciata intorno alla metà di aprile, il 27 è stato toccato un nuovo picco di crescita dell’incidenza (fatta eccezione per l’Arcisatese), con la zona di Laveno che ha superato la soglia limite dei 250 casi per 100mila abitanti.

L’indice risulta ora in calo in tutti gli ambiti territoriali, anche se il Lavenese continua a rimanere quello con il valore maggiore di incidenza (221). Buone notizie, invece, per le aree di Luino e Arcisate, nella quale l’incidenza è pari rispettivamente a 135 e 133.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127