EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 1 Maggio 2021

Teatro Sociale, lettera alla redazione: “Ripartiamo da una direzione artistica luinese”

Dopo il messaggio inviato ai clienti da parte dello staff della struttura, una lettera di un cittadino luinese che si augura che la direzione artistica sia "local"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Riceviamo e pubblichiamo una lettera inviata da un cittadino luinese che esprime alcune riflessioni sulla conclusione del contratto dei gestori del teatro cinema sociale di Luino che, nelle prossime settimane, vedrà Palazzo Serbelloni esperire un nuovo bando di gara.

Ho letto con dispiacere la fine di un ciclo importante riguardo il Teatro Sociale di Luino: del resto, se c’è un settore che è stato fortemente colpito dalla pandemia, purtroppo, è proprio quello artistico. Mi sento pertanto in dovere, da semplice cittadino luinese, di ringraziare il gestore Vincenzo Ruggiero per la passione con la quale ha gestito in questi anni il cinema ed il teatro.

Fatta questa doverosa premessa, credo ora sia importante concentrarsi sulla nuova riapertura delle attività teatrali considerandola –  appunto! -, come importante opportunità per ripartire ancor più motivati di prima. Credo infatti Luino meriti competenze umane e stagioni teatrali all’altezza della sua fama artistica, a cui affiancare, con altrettanta opportuna visione, una programmazione cinematografica di prim’ordine.

Sulla programmazione teatrale, ad esempio, senza dover per forza affidare il teatro a società e direzioni artistiche esterne, vi sono figure luinesi professionali che hanno saputo distinguersi con successo gestendo stabili culturali in città ben piu’ popolate della stessa Luino.

Penso, senza voler scomodare per forza i celebri attori Salvi, Iacchetti, Maestri ecc., al luinese Matteo Forte, amministratore     delegato del Teatro Nazionale di Milano, o allo stesso Francesco Pellicini – a cui mai si e dato spazio per ovvi motivi di fratellanza con l’ex sindaco – dapprima al Nazionale e poi direttore del teatro Giuditta Pasta di Saronno.

Tra l’altro Checco, come tutti noi lo conosciamo in città, ha sempre dimostrato grande amore e attaccamento per Luino facendosi promotore di celebri festival oggi apprezzati a livello nazionale. Anche l’amico luinese Matteo Carassini avrebbe certamente le carte in regola (in qualità di attore diplomatosi alla Filodrammatici di Milano) per gestire, ad esempio, aspetti tecnici e teatrali quali l’avviamento di scuole di recitazione collegate al teatro.

Insomma, di “Materiale umano luinese” giovane, preparato e appassionato ne abbiamo davvero tanto. Credo che questi nostri alfieri teatrali meritino oggi, più di altri, la direzione di un teatro che sappia ripartite con successo affrontando le nuove future sfide. Magari, questo si, con il giusto sostegno economico dell’amministrazione (ma non solo!) e di privati opportunamente sensibilizzati dagli stessi operatori culturali citati.

Federico Caleffi

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127