EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 26 Aprile 2021

Luna park per le vie di Luino? “Una proposta allucinante e pericolosa”

Dura presa di posizione dell'ex sindaco, Andrea Pellicini, sulla proposta dell'amministrazione in vista dell'estate: "Pronti a chiedere l'intervento del Prefetto"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Il proposito della giunta comunale di dar vita a luglio ad un luna park diffuso per tutta la città è allucinante e pericoloso”.

Non usa mezzi termini l’ex sindaco e attuale consigliere di minoranza, Andrea Pellicini, nel commentare la notizia del progetto che l’amministrazione ha lanciato, negli scorsi giorni, per rivoluzionare l’organizzazione delle tradizionali giostre estive.

“Ancora in emergenza Covid – spiega Pellicini – invece di limitare le giostre all’ex campo sportivo di via Lido, con numero contingentato di ingressi e severi protocolli da rispettare, come si fece con successo lo scorso anno, si va a creare confusione per tutto il centro senza possibilità di alcun controllo”.

Il problema, dal punto di vista dell’ex primo cittadino, non si limiterebbe soltanto alla mancanza di sicurezza rispetto alle misure anti contagio. “Va inoltre considerato che la ‘baracconata‘ che si va a proporre rischia di creare rumore, poco decoro, sporcizia e disordine in più parti della città, con disturbo della quiete delle persone sino a tarda serata. E non per uno o due giorni, ma per quasi un mese, quando le persone durante la settimana lavorano e hanno il diritto di riposare senza avere una giostra sotto casa”.

Due, entrando nello specifico della proposta comunale, gli ulteriori focus che non convincono il consigliere di “Sogno di Frontiera”: “Posizionare un’attrazione su piazza Chirola – prosegue Pellicini – significa inevitabilmente danneggiare la pavimentazione in legno del luogo; occupare con parte del luna park il parcheggio del Porto Lido, significa invece eliminare una fondamentale zona di sosta per la passeggiata a lago, con grave pregiudizio anche per chi deve accedere alle barche nei porti. E poi il cittadino e il turista devono essere liberi di passeggiare in centro e sul lungolago senza dover per forza partecipare a questo spettacolo, non da tutti amato“.

La conclusione a cui giunge l’ex sindaco è che con l’esposizione al rischio contagio e la eccessiva diffusione nelle principali vie e località del centro di giostre, bancarelle, gruppi di giovani e famiglie, si finirebbe soltanto per creare un danno all’ordine pubblico.

“Laddove non vi sia un ripensamento – afferma infine Pellicini – chiederemo l’intervento del Prefetto, a verifica delle condizioni di fattibilità di questa incredibile proposta”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127