EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Varese | 24 Aprile 2021

Cuvio, suicidio alla casa di riposo: chiesto il rinvio a giudizio per quattro persone

Il direttore della struttura, un medico e 2 oss sono accusati di cooperazione in omicidio colposo per mancata vigilanza su un anziano affetto da disabilità intellettiva

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

La Procura della Repubblica di Varese ha chiesto il rinvio a giudizio per quattro persone ritenute a diverso titolo coinvolte nei fatti che portarono al suicidio di un anziano ospite della Residenza Prealpina di Cuvio, avvenuto la notte del 21 marzo 2017 quando l’uomo, un settantaquattrenne affetto da grave disabilità intellettiva, si gettò dalla finestra della sua stanza, rimanendo subito dopo incagliato nei pali della cancellata.

Secondo la Procura, come riporta il quotidiano La Prealpina, le quattro persone su cui si sono concentrate le indagini per quel drammatico episodio – il direttore della casa di riposo, un medico e due operatrici socio sanitarie in servizio quella notte – non avrebbero vigilato correttamente su un soggetto vulnerabile a tal punto da necessitare una assistenza continua in ogni momento della giornata, come riportato in una perizia riguardante l’uomo, che in passato aveva già tentato più volte l’atto estremo, così come la fuga dalla residenza.

E al direttore e legale rappresentante della struttura viene contestato proprio di averlo accolto nonostante le presunte carenze gestionali e strutturali (come le finestre con maniglie che gli ospiti potevano girare agevolmente) che non avrebbero potuto garantire la sua incolumità – si legge sulle pagine del quotidiano locale -. Al medico in servizio quella notte viene addebitato di non aver adottato tutte le misure di sicurezza e di controllo – ad esempio, il suicida era in camera da solo. mentre le due oss devono rispondere del fatto di aver lanciato l’allarme solo molte ore dopo che l’anziano si era buttato”.

L’udienza preliminare è stata rinviata a giugno su richiesta dei legali difensori (una delle due oss si trova attualmente in Ecuador, suo paese di origine). L’accusa è di cooperazione in omicidio colposo.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127