EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Varese | 20 Marzo 2021

Voldomino, a processo per rissa e lesioni

Sono comparsi in tribunale a Varese gli imputati e i testimoni di due episodi avvenuti tra il 2016 e la scorsa estate. Coinvolti anche diversi giovani

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Protagonisti e testimoni di due episodi violenti avvenuti tra il 2016 e la scorsa estate a Voldomino, sono comparsi venerdì mattina davanti ai giudici del tribunale di Varese, nell’ambito dei procedimenti penali scaturiti dalle indagini su quanto avvenuto tra le strade della frazione luinese.

Nel processo per i fatti risalenti all’ottobre 2016 sono coinvolti, come riporta il quotidiano La Prealpina, una quarantaquattrenne italiana, il compagno marocchino di trentatré anni e un loro conoscente di trent’anni, tutti già noti alle forze dell’ordine.

In quel giorno di ottobre, dopo una lite scoppiata nell’appartamento condiviso dalla coppia in un condominio di piazza Piave, i due, insieme al terzo ragazzo, si spostarono in strada dove, tra calci e pugni, comparvero anche una pala da neve, una spranga e delle forbici. L’episodio si concluse con il ricovero dei tre in ospedale (con lesioni tra i dieci e i trenta giorni di prognosi) e con il coinvolgimento di una quarta persona, una ragazza italiana di ventisei anni che, nel parapiglia generale, si presentò in strada brandendo un coltello da cucina.

La violenza è al centro anche del secondo fatto, avvenuto il 10 luglio 2020, sempre a Voldomino dove un ragazzo ecuadoriano venne aggredito da una coppia di giovani, lui classe 1997, lei del 1992, entrambi italiani. Un’aggressione provocata, a detta del giovane sudamericano, da una questione di droga avvenuta diversi anni prima, e per la quale il ragazzo, reo di aver rivelato alla polizia l’attività illecita di chi gli aveva venduto gli stupefacenti, veniva costantemente insultato.

“Quel giorno alle parole sono seguiti i fatti – riporta La Prealpina -: l’uomo lo prese a pugni mentre la donna aizzò i loro cani, due pitbull, contro la vittima. Lo straniero corse in casa, prese un bastone e tornò ad affrontare gli aggressori, incassando altri pugni, insulti (come ‘Negro di m…., torna al tuo paese’) e fu perfino frustato con un guinzaglio“.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127