EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Curiglia con Monteviasco | 11 Marzo 2021

Monteviasco, ordinanza per taglio piante e rendere sicura la mulattiera

Con l'arrivo della bella stagione, una volta terminata l'emergenza, turisti e appassionati torneranno a scoprire il borgo. Ecco le indicazioni per i proprietari

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Negli scorsi giorni il Comune di Curiglia con Monteviasco, tramite un’ordinanza firmata dalla sindaca Nora Sahnane, ha disposto ai proprietari di tutti i fondi confinanti con la mulattiera “Ponte di Piero – Monteviasco”, l’esecuzione del taglio di tutte le piante pericolose fortemente inclinate verso strada comunale.

Si tratta dell’unica via di accesso verso il caratteristico borgo di montagna, dopo l’incidente che nel novembre 2018 ha causato la morte del manutentore Silvano Dellea, il blocco della funivia e il conseguente isolamento di Monteviasco, situazione che a più riprese è stata raccontata anche dai media nazionali ed internazionali.

E così, dopo l’invio del progetto al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, nonché all’Ustif di Milano, da parte dell’amministrazione comunale, la giunta ha emesso questo atto per migliorare la sicurezza lungo la mulattiera e prevenire qualsiasi incidente, soprattutto con l’arrivo della primavera, quando numerosi turisti ed appassionati di trekking torneranno a visitare il borgo.

“Abbiamo pubblicato l’ordinanza perchè la crescita di rami, piante, siepi ed arbusti comporta che sulla mulattiera si limiti la visibilità e diminuisca la larghezza della strada – commenta la sindaca Sahnane -. Queste, in caso di vento, neve o pioggia, può comportare anche un grave pericolo. Per questo è necessario ordinare e pulire tutto il percorso, che fino alla riattivazione dell’impianto di risalita, rimane l’unica strada percorribile per raggiungere Monteviasco insieme ad un’altra strada meno utilizzata”.

Tutti i proprietari sono così tenuti, entro 30 giorni, a compiere il lavoro di potatura delle piante e rimuovere alberi, ramaglie e terriccio provenienti dai fondi privati. In caso contrario l’intervento sarà effettuato da una ditta incaricata dal Comune e le spese sostenute e anticipate saranno poste a carico degli inadempienti.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127