EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 21 Febbraio 2021

Luino, il messaggio domenicale di don Sergio: “Con la Quaresima passiamo dall’indifferenza alla compassione”

All’inizio di un tempo forte per tutta la comunità, il prevosto invita i fedeli a cercare vie concrete di conversione anche seguendo il magistero del Papa e del vescovo

Tempo medio di lettura: 2 minuti

(don Sergio Zambenetti) Il tempo che ci prepara a celebrare la Pasqua è un cammino di quaranta giorni, chiamato Quaresima, con un itinerario ben preciso. Nella notte di Pasqua rinnoveremo le promesse del nostro Battesimo, per rinascere uomini e donne nuovi, grazie all’opera dello Spirito Santo. Ma già l’itinerario della Quaresima, come l’intero cammino cristiano, sta tutto sotto la luce della Risurrezione, che anima i sentimenti, gli atteggiamenti e le scelte di chi vuole seguire Cristo.

In questo tempo quaresimale ci lasceremo guidare dalla Parola di Dio che illumina il nostro cammino e chiama a conversione per potere “celebrare – come scrive il nostro arcivescovo nella sua lettera per la Quaresima – non solo di nuovo la Pasqua, ma piuttosto celebrare una pasqua nuova”.

La Chiesa, a partire dall’insegnamento di Gesù, ci ha sempre indicato vie concrete di conversione e ancora Papa Francesco nel suo messaggio quaresimale le richiama: “Il digiuno, la preghiera e l’elemosina, come vengono presentati da Gesù nella sua predicazione (cfr Mt 6,1-18), sono le condizioni e l’espressione della nostra conversione. La via della povertà e della privazione (il digiuno), lo sguardo e i gesti
d’amore per l’uomo ferito (l’elemosina) e il dialogo filiale con il Padre (la preghiera) ci permettono di incarnare una fede sincera, una speranza viva e una carità operosa”.

Il Magistero del Vescovo e del Papa aprono a noi prospettive concrete per tentare di realizzare quella novità di vita che non ci lascia nell’avvilimento delle nostre fragilità ma ci incoraggia a guardare con gioia il presente ed il futuro. Anche la nostra Comunità pastorale, nelle sue proposte per questo tempo forte, ci incoraggia a prendere sul serio la vita compiendo un cammino comunitario, come il popolo di Israele nel deserto, certi che non siamo da soli e che insieme possiamo sorreggerci gli uni gli altri.

Il nostro arcivescovo ci indica nella sua lettera quaresimale due aspetti da prendere in considerazione per una novità di vita: la correzione e percorsi penitenziali.

1. La correzione, è anzitutto espressione della relazione educativa che Dio ha espresso nei confronti del suo popolo. Dio corregge il suo popolo cercandolo e parlandogli in ogni momento di tribolazione e in ogni luogo di smarrimento. La correzione nella comunità cristiana ha
la sua radice nell’amore, che vuole il bene dell’altro e degli altri. Gesù raccomanda la via della correzione fraterna per edificare la comunità nella benevolenza. La correzione fraterna è una forma di carità delicata e preziosa.

2. Il nostro Arcivescovo fa presente che “il sacramento della riconciliazione è un dono troppo trascurato e vale la pena recuperarlo nelle sue diverse dimensioni: anzitutto quella ecclesiale; il penitente che chiede il perdono non è un individuo isolato, che mette a posto la coscienza, è invece persona inserita in una comunità. Ogni virtù rende più bella la comunità, ogni peccato la ferisce. La dimensione personale nasce dall’ascolto della parola di Dio, che ci aiuta a leggere la nostra vita con lo sguardo della Misericordia di Dio”.

Perdonati da Dio consegniamo al Signore la nostra vita per portare a compimento la nostra vocazione all’amore. La parabola del Buon Samaritano sarà l’icona del cammino quaresimale di tutta la nostra Comunità Pastorale e ci condurrà di domenica in domenica a passare dall’indifferenza alla compassione, come frutto del perdono.

Per consultare il nuovo numero del bollettino Oltre l’apparenza, cliccare qui.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127