EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Tecnologia | 20 Gennaio 2021

Tecnologia e futuro: sfide e opportunità da cogliere

È ormai chiaro a tutti che il nostro futuro sarà fortemente caratterizzato dalle nuove tecnologie che rappresentano e rappresenteranno delle sfide e delle opportunità

Tempo medio di lettura: 3 minuti

Futuro fa rima con tecnologia, e viceversa. È ormai chiaro a tutti che il nostro futuro sarà fortemente caratterizzato dalle nuove tecnologie che rappresentano e rappresenteranno delle sfide e delle opportunità da cogliere, sia in ambito lavorativo che privato.

A partire dal famoso 5G, l’innovativa tecnologia per la connessione internet che consentirà di usufruire di connessioni veloci e stabili per portare avanti qualsiasi genere di attività, come ad esempio i giochi su siti https://malinacasino.com/it/ o i famosi giochi presenti sui nostri smartphone tramite app.

La tecnologia 5G prevede un’evoluzione per arrivare a 10-50 Gigabit al secondo entro due anni e 100 Gigabit entro il 2025. Adesso il 4G adottato in Italia arriva a 1 Gigabit (in una ventina di città). Inoltre grazie a questa tecnologia sarà possibile abbattere la latenza. Latenze bassissime favoriscono contenuti live ad alta risoluzione, videochiamate-telepresenze, applicazioni critiche di internet delle cose in ambito industriale (robot iot), sanitario (telemedicina), trasporti (auto che si guidano da sole).

Al momento non è ancora chiaro quando tutta l’Italia potrà usufruire di questa nuova tecnologia. Quel che è certo è che diverse città si sono mosse per portare al termine i lavori. Prima su tutte, Milano, che ha già una copertura quasi completa da parte di Vodafone. Poi Bari, Matera, L’Aquila, Prato, Roma (dove c’è un accordo tra Fastweb e la Città).

Il successo del cloud

In campo aziendale non mancano le novità. In questo nuovo anno appena iniziato la sfida sarà riuscire a modernizzare i sistemi informatici, trasferendolo in cloud. In questo modo si può aumentare e non di poco il potenziale digitale di un’azienda. per fare ciò alcune aziende hanno deciso di affidarsi a strutture interne per mettere a punto piattaforme interne più potenti mentre altre sono ricorse all’outsourcing per ridurne i costi. Molte altre stanno sperimentando una strategia intermedia tra le due appena descritte. In un momento storico caratterizzato da forte incertezza questa trasformazione, volta a fare emergere più valore dalle risorse tecnologiche, potrebbe secondo Deloitte diventare lo standard che ogni Cio dovrà seguire per avviare la trasformazione digitale della propria azienda.

L’Intelligenza Artificiale

Occhio poi al trend che porta verso l’intelligenza artificiale in ambito aziendale. Gli strumenti all’interno delle aziende stanno diventando sempre più sofisticati e ciò permette di semplificare il lavoro dei dipendenti. Molto spesso però gli sforzi intrapresi per favorire l’introduzione dell’intelligenza artificiale e i modelli di machine learning vengono ostacolati da processi di sviluppo e implementazione lenti e delicati che frenano la sperimentazione e ostacolano la collaborazione tra i team di prodotto, il personale operativo e i data scientist.

Per superare questi ostacoli, secondo Deloitte, è quindi necessaria una maggiore spinta ingegneristica e operativa da parte delle aziende in modo tale che le fasi e le strategie di avanzamento tecnologico siano favorite dalle macchine stesse.

La protezione dei dati sensibili

In azienda, così come nella vita privata, è sempre molto importante proteggere i dati sensibili. Non a caso secondo gli esperti nel nuovo anno l’attenzione sarà focalizzata su tre misure volte a salvaguardare i dati sensibili nel momento stesso in cui questi vengono trattati: la prima prevede l’adozione di strumenti di sicurezza a partire dall’ “ambiente” in cui i dati sensibili vengono elaborati; la seconda poggia sulla decentralizzazione della fase di analisi, mentre la terza si serve della crittografia per proteggere dati e algoritmi prima di ogni processo di elaborazione o di analisi.

Un fattore da curare anche per la probabile estensione dell’operatività da remoto. Questa nuova modalità lavorativa sembra essere sempre più importante e per questo sarà fondamentale garantire sicurezza informatica a chi vorrà adottarla.

Hyper Automation

L’automazione diventa iper. Secondo gli esperti qualunque cosa sia all’interno dell’aziende può essere automatizzata. Ma, per dare concretezza a tale pensiero, bisognerebbe, in primo luogo, snellire i processi aziendali, accelerare verso un modello di business digitale e avviare un processo di democratizzazione all’interno della struttura. Le imprese che non si concentrano su tali obiettivi, verranno lasciate indietro.

E così prende vita anche il concetto di Intelligent Composable business, ossia il business in grado di riorganizzarsi ed adattarsi in base alla situazione che si sta vivendo. Man mano che le aziende si muovono verso una strategia di business digitale, devono poter essere sempre più agili e prendere decisioni aziendali rapide e puntuali.

Per fare questo, però, le imprese devono consentire un migliore accesso alle informazioni da parte dei dipendenti, una maggiore autonomia interna e avviare un processo di democratizzazione della struttura aziendale, permettendo a tutti i reparti e a tutte le business unit di muoversi rapidamente, anziché essere bloccati da processi inefficienti e burocratici.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127