EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 9 Gennaio 2021

L’ospedale di Luino piange il dottor Alberto Ochetti

Il ricordo di Franco Compagnoni, come molti scosso dalla perdita del collega e amico: “Luino e il territorio, caro Alberto, ti celebrano con gratitudine e riconoscenza”

Tempo medio di lettura: 2 minuti

L’ospedale e la città di Luino sono in lutto per la perdita prematura del dottor Alberto Ochetti, avvenuta lo scorso giovedì 7 gennaio a causa di una malattia fulminante.

Classe 1965, medico chirurgo presso il presidio luinese dal 1998, Ochetti è stato un professionista sempre disponibile, benvoluto e stimato da tutti i colleghi, gli infermieri e gli OSS che hanno potuto collaborare con lui nel corso dei suoi molti anni di servizio e che ora si uniscono alla moglie e ai due figli di 9 e 13 anni, nel dolore per la sua scomparsa. I funerali si terranno oggi pomeriggio alle 14.30, presso la chiesa di Barasso.

A ricordarlo con sentita e profonda commozione è il collega e amico Franco Compagnoni: “Accade che percorsi professionali diventino poi anche ‘umani’, soprattutto in un ambito lavorativo come il nostro, medico-sanitario, dove anche attraverso l’intreccio con la intercorrente gestione dei destini delle persone, si realizza un ulteriore processo di reciproca conoscenza più completo e profondo. Si impara a conoscersi – con gli altri e con se stessi, attraverso gli altri – più autenticamente e ‘a nudo’, senza troppa mistificazione di quello che si è e, contestualmente, con meno alibi possibili. E questo giova al vero e sincero confronto, dove vicendevolmente e reciprocamente i difetti possono diventare pregi e la dialettica davvero un miglioramento attivo”.

Così è con e per Alberto Ochetti, il ‘nostro’ Alberto: 55enne, valente chirurgo, da Varese a Luino dal 1998, distinto ed elegante, con un carattere deciso, sferzante, quasi mordace, ma senza limitarne una generosa disponibilità. La sua vicenda di salute, clinicamente consumatasi drammaticamente e tragicamente in un mese esatto – prosegue il noto cardiologo luinese – è di quelle che, in modo emblematico, ripropone con sconcertante crudeltà la vera essenza di significato e di viscerale dolore emozionale, in autentico riferimento ad attonimento, incredulità, interdizione, angoscia privativa, paura, enorme tristezza: sentimenti che inesorabilmente, nel nostro lavoro con pazienti e parenti, dobbiamo gestire e che fisiologicamente inibiamo in intensità a nostra difesa affettiva, si ripresentano invece in piena e consapevole percezione così veri e lancinantemente vivi”.

“La voce trema, le parole se ne vanno, gli occhi si infradiciano, ci si parla a sguardi, con smorfie; si cerca e sembra di sentire. E questo sta succedendo e continuerà, nell’elaborazione, a succedere tra di noi, un ‘noi’ che comprende tutti coloro che con lui hanno vissuto fasi e periodi del proprio percorso lavorativo e umano, senza distinzioni di ruoli e azioni, in una condivisione che ci avviluppa e nella quale ci viene di vederlo”.

Abbracciamo e pensiamo a Miriam, anche lei lavorativamente per breve tempo a Luino nel suo ruolo di medico anestesista rianimatore, a Rachele e Lorenzo, sempre pienamente presenti in Alberto, marito e padre, dai quali desidereremmo continuare a essere considerati quale parte familiarmente integrante ed esserci sempre, per come riterranno di sentirci. Luino e il territorio, caro Alberto, ti celebrano con gratitudine e riconoscenza per la cura che hai loro rivolto”, conclude Compagnoni.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127