EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Varese | 4 Dicembre 2020

La gestione delle emergenze tempo-dipendenti al Circolo ha retto l’impatto del Covid

Uno studio pubblicato sulla rivista “Minerva Cardioangiologica”, relativo alla prima ondata della pandemia, conferma la capacità di resilienza della struttura

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Durante la prima ondata del Covid (9 marzo – 7 aprile) il numero di pazienti trattati per emergenze tempo-dipendenti – quelle, cioè, in cui la tempestività del trattamento è cruciale – all’Ospedale di Circolo di Varese è rimasto stabile rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e per alcune patologie è anzi aumentato.

La capacità di adattamento rapido dei reparti, l’aumento dei letti, la flessibilità e lo spirito di sacrificio dei professionisti coinvolti hanno consentito di gestire al meglio la prima fase dell’emergenza e di assolvere pienamente alla funzione di hub per le emergenze di vario tipo assegnata da Regione Lombardia al nosocomio varesino: lo dimostra uno studio coordinato dal professor Luca Cabrini, Responsabile della SC di Anestesia e Rianimazione Neurochirurgica di ASST Sette Laghi e docente all’Università dell’Insubria, pubblicato pochi giorni fa sulla prestigiosa rivista Minerva Cardioangiologica e che ha visto la collaborazione del Direttore Sanitario di ASST Sette Laghi Lorenzo Maffioli e di numerosi primari e medici delle specialità coinvolte.

I pazienti trattati nel complesso, dal 9 marzo al 7 aprile, sono stati 197 contro i 208 dello stesso periodo del 2019. Sono diminuiti solo gli interventi in angioplastica coronarica mentre sono quadruplicati (da 8 a 31) gli interventi neurochirurgici, più che raddoppiati (da 3 a 7) i trattamenti per emorragie cerebrali, aumentati del 50% (da 10 a 15) gli interventi per ictus per la rimozione di trombi venosi o carotidei.

“Si è trattato – dichiara il Professor Cabrini – di uno sforzo organizzativo enorme che ha coinvolto centinaia di collaboratori, medici e personale infermieristico oltre ai colleghi della logistica e dell’Ufficio Tecnico. Le nostre strutture di emergenza hanno dimostrato di essere in grado di assorbire il carico di lavoro supplementare derivante dalla riorganizzazione secondo il modello ‘hub e spoke’ decisa a livello regionale. E tutto ciò senza subire contagi né tra il personale né sui pazienti e con risultati eccellenti nella cura di patologie tempo dipendenti”.

“In pochi giorni, talvolta in poche ore – sottolinea Lorenzo Maffioli, Direttore sanitario di ASST Sette Laghi – abbiamo riorganizzato interi reparti e abbiamo potenziato le terapie intensive. I letti di unità coronarica sono passati da 6 a 12, quelli di terapia intensiva generale da 8 a 10, quelli di neurorianimazione da 4 a 8. Per non parlare delle terapie intensive Covid che hanno raggiunto la punta massima di 47 letti. Davvero un risultato straordinario – conclude Maffioli – che lo studio pubblicato certifica e che va a merito di tutto il nostro personale che oggi sta affrontando con altrettanta capacità adattativa la seconda ondata, speriamo in lento esaurimento”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127