Luino | 1 Dicembre 2020

Anche il Comune di Luino dichiara l’emergenza climatica all’unanimità

I consiglieri d'accordo sulla proposta delle giovani della Comunità Operosa, ma il dibattito si è focalizzato sugli sversamenti nel Colmegnino. Critiche dalla minoranza

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Dopo tanti altri Comuni dell’Alto Varesotto, ieri sera, durante l’ultimo consiglio comunale, anche quello di Luino ha dichiarato all’unanimità l’emergenza climatica, su proposta dei ragazzi e delle ragazze della Comunità Operosa, che da anni portano avanti questa battaglia e che hanno voluto fortemente fosse ratificato questo documento, coinvolgendo proprio Palazzo Serbelloni.

A presentare il progetto è stato l’assessore all’Ambiente, Fabio Sai, che ha parlato dell’importanza di piccole iniziative come queste che, su vasta scala, danno un fondamentale contributo ed effetto sulle future generazioni. A presentare i punti, invece, che riguardano l’accordo stipulato, sono state due giovani, Ilaria Notari e Sofia Focarete, appartenenti alla Comunità Operosa e al Fridays for Future Luino, nonché candidate consigliere nella lista “Proposta per Luino”, del sindaco Bianchi.

“È inutile ignorare il problema dell’emergenza climatica in atto – ha commentato l’assessore Sai -, anche sul nostro territorio vi sono conseguenze sia di carattere economico che ambientale. Gli obiettivi, stando all’accordo di Parigi, sono ambiziosi, ma non ci possiamo esimere e dobbiamo premiare il lavoro di questi giovani”. A detta di Ilaria Notari, invece, Luino può essere il Comune capofila di un progetto più lungimirante, che guarda al consumo green e ad una gestione sostenibile.

Nonostante la votazione abbia ricevuto l’unanimità dei presenti, diverse sono state le critiche da parte della minoranza, soprattutto con il consigliere Furio Artoni (Azione civica per Luino e frazioni) e il consigliere Alessandro Casali (#luinesi), non solo per i contenuti della stessa, ma anche criticando la possibilità che un tema come questo, che tutti dovrebbero condividere, possa essere fonte di strumentalizzazione politica.

A tenere banco, però, successivamente, è stato il caso del bypass sulla SS394 e dello sversamento verificatosi nel Colmegnino, a seguito dei lavori ai viadotti nel piccolo borgo lacustre, tra Luino e Maccagno con Pino e Veddasca. Alle accuse della minoranza, legate sia a questioni amministrative e di scelte politiche, ha replicato l’assessore Sai, che ha sottolineato come il progetto derivasse dalla passata amministrazione e che, i liquami finiti nel lago sono stati irrisori rispetto alla spesa che si sarebbe dovuta affrontare per evitarli, vale a dire circa 600mila euro.

Otto punti fondamentali sottoscritti dal Comune nella dichiarazione di emergenza climatica:

1. Definire una strategia ed un piano di azione climatica locale, da discutere e confrontare con la comunità locale e da approvare in Consiglio comunale;
2. Agire nelle molteplici aree in cui si possono ridurre le emissioni, tra cui l’efficienza energetica, la produzione da fonti rinnovabili, la mobilità, il consumo di beni e servizi, la produzione ed il consumo di cibo, la protezione e la tutela degli ambienti naturali;
3. Monitorare costantemente i risultati delle azioni e adottando le eventuali azioni di correzione e/o miglioramento;
4. Promuovere l’integrazione delle questioni climatiche in tutte le aree di competenza;
5. Collaborare con i Comuni vicini e con i livelli sovracomunali con la condivisione di piani, progetti, risorse tecniche ed economiche;
6. Esercitare, anche con l’accordo con altri livelli istituzionali, forme di sensibilizzazione e pressione sui livelli istituzionali sovraordinati e su soggetti pubblici e privati;
7. Promuovere l’applicazione delle “buone pratiche” che dimostrano di poter ridurre le emissioni di gas ad effetto serra nel territorio comunale;
8. Concordare con i soggetti locali, in particolare le autorità scolastiche delle scuole presenti nel Comune, “buone pratiche” da adottare immediatamente al fine di cambiare gli stili di vita, coinvolgendo il più possibile i giovani e le famiglie.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127