EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Luino | 29 Ottobre 2020

Coronavirus, anche a Luino salgono a 50 i positivi. A Cittiglio sono 35 e a Grantola 5

Nel paese lacustre due i ricoverati al Circolo e 24 i guariti. Il direttore dell'HUB Covid di Varese Dentali a Open: "Diversi lavoratori frontalieri si sono infettati"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Dopo l’alta impennata di ieri in provincia di Varese, con 1902 nuovi positivi al Covid, oltre i paesi di Lavena Ponte Tresa, Cunardo e Maccagno con Pino e Veddasca, anche Luino, Citttiglio e Grantola vedono crescere i loro contagiati.

Nel paese lacustre ieri gli attualmente positivi erano 38, ma nelle ultime 24 ore hanno raggiunto quota 50. Di questi due sono stati ricoverati all’ospedale di Circolo di Varese, mentre in totale sono 24 i guariti che hanno potuto far rientro nelle proprie abitazioni. A Cittiglio, invece, il numero di contagiati è cresciuto fino ad arrivare a 35 positivi.

La situazione a Grantola. “Nella serata di ieri – scrive nella missiva ai cittadini il sindaco Adriano Boscardin -, ho ricevuto dalle autorità competenti la notizia di un’altra persona residente a Grantola risultata positiva al Covid-19. Le persone contagiate salgono così a sei. Anche in questo caso, come sempre, per evidenti motivi di privacy non saranno rese note le loro generalità. Il pensiero e la mia vicinanza vanno a chi è stato colpito della malattia, a cui auguro una pronta e totale guarigione. A tutte le persone malate e alle loro famiglie è assicurata l’assistenza del Centro Operativo Comunale”.

Le raccomandazioni sono sempre le stesse: cercate di uscire di casa il meno possibile e solo per motivi davvero importanti, usate sempre la mascherina, evitate ogni tipo di assembramento, lavatevi spesso le mani. Stiamo vivendo un momento estremamente difficile e non possono essere in alcun modo tollerati comportamenti diversi”, conclude il sindaco Adriano Boscardin.

Nel frattempo ieri a Open Francesco Dentali, Direttore del reparto di Medicina ad Alta Intensità dell’Ospedale di Circolo di Varese, ha spiegato perchè la nostra provincia è una tra quelle più colpite della seconda ondata: “I numeri del contagio sono alti e continuano ad aumentare progressivamente, è vero. Le spiegazioni sono molteplici: durante la prima ondata, il nostro territorio è stato meno colpito rispetto ad altri e quindi il numero di persone potenzialmente immuni è più basso. Poi può essere rilevante la vicinanza alla Svizzera: sono diversi i lavoratori frontalieri che si sono infettati. Ancora, molti residenti nella provincia di Varese lavorano a Milano, che è la città al momento più colpita in Italia. A questi tre fattori, si aggiungono gli elementi comuni a tutta l’Europa: i viaggi estivi, la riapertura delle scuole e delle attività lavorative”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127