Bologna | 4 Ottobre 2020

Basket, Varese resta grande: storica vittoria sulla Fortitudo

Come Brescia, il team di Sacchetti si arrende ai biancorossi che espugnano l'Unipol Arena dopo 20 anni. Scola in ombra ma la prova di squadra è super. 88-83 il finale

Tempo medio di lettura: 3 minuti

La Pallacanestro Varese espugna l’Unipol Arena di Bologna e la vittoria degli uomini di Bulleri – la seconda su due gare giocate – ha una doppia valenza.

Da una parte c’è il dato storico perché l’88-83 finale nella tana della Fortitudo (orfana del suo rovente tifo per quelle norme anti Covid che inevitabilmente soffocano parte dello spettacolo in questo inizio di campionato) rompe un digiuno che durava dal 1998; dall’altra c’è però la stretta attualità, quella di una squadra nuova che cresce, convince e sorprende, costringendo alla resa avversari di alta classifica, e che lo fa – per la prima volta – senza dipendere dalla sua stella, Luis Scola, in ombra per buona parte della gara nonostante lo show iniziale da dieci punti in metà quarto.

I biancorossi hanno mantenuto la rotta, anche quando è venuta meno l’energia e la lucidità del traghettatore, anche e soprattutto a fronte di un handicap col quale fare i conti già dalla palla a due: l’assenza di capitan Ferrero (positivo al tampone e dunque rimasto a casa in isolamento), preventivata nell’economia della partita con la necessità di far fronte al minor spazio nelle rotazioni e alla panchina più corta, da tamponare con un maggior sacrificio in campo.

Sacrificio che c’è stato e che ha pagato in modo pesante, costringendo il team di Sacchetti ad uno 0-2 che aprirà più di una riflessione, d’obbligo anche sul versante dei vincitori e non soltanto per quanto di positivo si è visto nei quaranta minuti della prima trasferta dell’anno.

C’è sempre più Douglas nel quintetto base (l’ex NBA ha chiuso con 20 punti e 5 triple che nei frangenti decisivi hanno spezzato le gambe agli avversari) e De Vico ha un cuore grande come una casa (agli straordinari ha risposto ringhiando per tutto il match e infilando due centri dalla distanza nei 2’ finali). Ma la squadra in difesa ha sofferto tanto, in particolare sotto canestro, dove la Fortitudo ha chiuso con un 18-8 sui rimbalzi offensivi, quasi interamente merito di un monumentale Happ. Il giovane dell’Illinois, ex Ncaa, è stato una minaccia costante che i biancorossi non hanno saputo arginare, nonostante qualche lampo di Strautins e di Morse.

C’è poi il tema delle sedici palle perse (tante, ma a conti fatti non determinanti) e del calo di concentrazione e di fiato a metà gara, dove Whiters e Fletcher (con un supporting cast forte, anche in uscita dalla panchina) hanno trovato il terreno per l’aggancio, il sorpasso e le prove di fuga: sotto di sette alla fine del primo quarto, sopra di due alla sirena dell’intervallo lungo, avanti di cinque all’inizio dell’ultimo periodo.

Ma Varese ha lottato, ha tenuto duro andando oltre il colpaccio dell’esordio contro Brescia. Ha raggiunto a suon di triple il livello successivo, lo ha fatto superando se stessa quando Scola ha smesso di mandare segnali, tolti quelli pericolosi dei tre incomprensibili falli nei minuti più caldi del quarto conclusivo. Davanti alla frustrazione del suo condottiero, a secco per tutto il secondo tempo, ha reagito da squadra, esaltando la circolazione di palla in attacco nel lungo testa a testa, e portando altri tre giocatori in doppia cifra (Douglas 20, Strautins 14, De Vico 12), oltre al Generale. Una vittoria del gruppo che dice tanto, anche se si è solo all’inizio. E che inizio. 

Fortitudo Lavoropiù Bologna: Banks ne, Aradori 16, Mancinelli 3, Dellosto, Fletcher 17, Palumbo 6, Fantinelli 11, Happ 12, Withers 17, Toté, Sabatini 1. Coach: Romeo Sacchetti.

Openjobmetis Varese: Morse 6, Scola 13, De Nicolao 5, Jakovičs 6, Ruzzier 7, Andersson 5, Strautiņš 14, De Vico 12, Douglas 20. Coach: Massimo Bulleri.

Arbitri: Sahin – Di Francesco – Vita.

Parziali: 22-29; 23-14; 22-19; 16-26. Progressivi: 22-29; 45-43; 67-62; 83-88.

Note – T3: 10/31 Fortitudo Bologna, 17/34 Varese; T2: 20/41 Fortitudo Bologna, 11/23 Varese; TL: 13/25 Fortitudo Bologna, 15/20 Varese. Rimbalzi: 39 Fortitudo Bologna (Happ 12), 39 Varese (Strautiņš 12); Assist: 16 Fortitudo Bologna (Fantinelli 6), 18 Varese (Ruzzier e Douglas 4).

(Foto di copertina © Alberto Ossola)

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127