EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Varese | 17 Settembre 2020

Osteoarcheologi e paleopatologi dell’Insubria nel fiume di ossa a Vercelli e nei siti della Valcuvia

Scavi nella Cripta della settecentesca Chiesa di Santa Maria Maggiore a Vercelli e nel sito vicino alla Chiesetta di San Biagio a Cittiglio; attività anche a Caravate

Tempo medio di lettura: < 1 minuto

Nei giorni scorsi il team del Centro di ricerca in osteoarcheologia e paleopatologia dell’Università dell’Insubria ha ripreso le attività con un importante lavoro in Piemonte, nella Cripta della settecentesca Chiesa di Santa Maria Maggiore a Vercelli, sotto la quale, un’antica leggenda racconta che scorrerebbe un “fiume di ossa”.

Lo scopo della ricerca, guidata da Marta Licata, coordinatrice di dottorandi e borsisti, è quello di eseguire le analisi e le indagini macroscopiche sugli inumati della chiesa, al fine di redigere uno studio antropologico e paleopatologico che aiuterà a svelare aspetti altrimenti inesplorabili dell’antica popolazione.

Anche sul nostro territorio sono riprese le attività di ricerca: in particolare, nel sito adiacente alla Chiesetta di San Biagio a Cittiglio sono ripresi gli scavi: questa nuova campagna di lavori concluderà l’esplorazione che, iniziata alcuni anni fa, ha fornito un’imponente quantità di informazioni sull’antropologia degli antichi abitanti della Valcuvia.

Con i fondi ottenuti sono inoltre ripresi gli scavi e lo studio degli scheletri scoperti nell’area cimiteriale di Sant’Agostino in Caravate, operazione condotta in collaborazione con il Comune. Per i siti di Cittiglio, di Caravate e di altre località si apre anche una prospettiva di fruizione sia di tipo museale, con il supporto del professor Andrea Spiriti, sia turistica, grazie al finanziamento ottenuto con il progetto “Valcuvia”.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127