Curiglia con Monteviasco | 8 Settembre 2020

Curiglia isolata, c’è un piano per la spesa e le visite mediche. Vicino l’ok per il ponte carrabile

Novità importanti per la comunità, ancora bloccata dopo gli smottamenti lungo la SP6. Sahane: "Piero - Lozzo per le prime necessità, grazie a chi ci supporta"

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Attorno all”ipotesi di ricorrere all’installazione di un ponte carrabile per ovviare al blocco della SP6 che collega Curiglia a Luino, resa inagibile dal maltempo di due settimane fa, si concentrano ora i pareri positivi degli esperti che si stanno occupando della progettazione, giunta alla sua fase conclusiva.

E’ questa la principale novità che arriva dalla valle martoriata da fiumi di fango e smottamenti, conseguenze dirette del nubifragio che si è verificato tra il 28 e il 30 agosto scorsi. I Genieri Lombardia del nucleo “Ponti Bailey”, coordinati dal responsabile Iuri Valter De Tomasi, sono orientati al sì definitivo, da affidare all’amministrazione comunale per procedere con il posizionamento della struttura in ferro che garantirebbe una via alternativa per i collegamenti con il borgo, ancora isolato.

Dalla sfuriata di vento e pioggia che ha messo sottosopra le valli luinesi, si sono susseguiti numerosi tavoli di confronto tra Comune ed enti superiori, e altri ce ne saranno, ma la strada della ripresa – stando a quello che è emerso finora – passerà anche dalla Piero – Lozzo, il percorso agro – silvo – pastorale che collega Veddasca e val Dumentina. E questa è la seconda, importante, buona notizia.

“Grazie al supporto di Comunità montana e del presidente Simone Castoldi, e grazie al coordinamento di Protezione civile e del responsabile Fabio Bardelli, a breve sarà disponibile un servizio di consegna della spesa – spiega il sindaco di Curiglia, Nora Sahnane -. Ai residenti sarà comunicato un numero di telefono da contattare per indicare la ‘lista della spesa’ e concordare le modalità di pagamento. Inoltre sarà possibile effettuare il trasporto di persone che necessitano visite mediche, sfruttando la Piero – Lozzo, ovviamente nel rispetto delle norme in vigore in merito al contenimento della diffusione del coronavirus”.

Gran parte del lavoro svolto, nella complessa analisi della situazione, per capire il modo opportuno attraverso il quale ristabilire la viabilità in entrata ed uscita da Curiglia, è passato dall’attività nata dalla collaborazione con la Provincia di Varese, e dalla presenza sul campo del consigliere con delega alla Protezione civile, Alberto Barcaro, a cui la prima cittadina rivolge un ringraziamento per la dimostrazione di “competenza, alto senso di responsabilità ed etica civile”.

Sono io che devo ringraziare Nora per la pazienza e l’attaccamento alla comunità che sta dimostrando – ribatte Barcaro -. Vorremmo avere la bacchetta magica e dall’oggi al domani risolvere il problema, ma determinate procedure per fare tutto in sicurezza sono imprescindibili”.

Al di là delle preoccupazioni per le criticità attuali e delle critiche – soprattutto via social – all’indirizzo dell’amministrazione e di chi la guida, su cui nelle scorse ore si sono espressi i sindaci dell’Unione dei Comuni Lombarda Prealpi per difendere l’operato della collega Nora Sahnane, i primi spiragli di risalita che si aprono dalle ultime notizie provenienti dalla valle, lasciano ben sperare. Ed è su questo che la comunità locale fa affidamento.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127