EMERGENZA CORONAVIRUS (ATTIVITÀ APERTE E CONSEGNE A DOMICILIO ) Segnalaci la tua attività Guarda tutte le attività
Germignaga | 22 Agosto 2020

“Ripartire dalla natura e dal gioco”: mutuo aiuto tra famiglie con i bambini protagonisti nel post lockdown

Genitori ed educatori professionisti, per due mesi, hanno creato uno spazio di gioco per i "Bimbi del Bosco", mettendo al centro semplicità e bellezze del territorio

Tempo medio di lettura: 2 minuti

Dall’esperienza vissuta nel complicato periodo del lockdown, con la creazione dei “piccoli asili famigliari diffusi” per venire incontro alle esigenze lavorative e famigliari dei genitori del territorio, alle prese con il problema delle scuole chiuse, la Comunità Operosa Alto Verbano ha tratto tutti gli stimoli necessari a sviluppare un’ulteriore e preziosa attività a contatto con la realtà dell’alto Varesotto, dalle quale oggi – dopo due intensi mesi – emergono importanti spunti di riflessione.

Si tratta del progetto “Mazzetti di Maggio“, un insieme di attività educative e ricreative che durante i mesi di giugno e luglio hanno messo in moto il meccanismo del mutuo aiuto tra le famiglie della Comunità Educante dei Bimbi del Bosco, gruppo luinese nato con l’intento di definire un contesto immerso nella natura e completamente dedicato al gioco dei più piccoli.

Il progetto ha coperto buona parte della stagione estiva e ha rafforzato il legame tra gli attori protagonisti della comunità, fondamentale – dal punto di vista della motivazione e dei rapporti interpersonali – per ricominciare a guardare avanti dopo i due mesi dell’emergenza sanitaria.

“Seguendo le indicazioni dei decreti ministeriali, in un’ottica di mutuo aiuto tra le famiglie – raccontano i volontari della Comunità attraverso il proprio profilo Facebook – si sono organizzati i bambini in piccoli gruppi, ciascuno con una educatrice retribuita con regolare contratto. I piccoli gruppi si sono gestiti in modo autonomo, in una responsabilità condivisa tra educatrici e famiglie e, oltre alle intraprendenti educatrici che già fanno parte della Comunità Educante dei Bimbi del Bosco, è stata l’occasione per conoscere ed aprire nuove collaborazioni anche nell’ambito della Rete delle Baby Sitter creata dalla Comunità Operosa”.

Tante le attività che hanno tenuto compagnia ai piccoli, facendoli divertire, tra giochi nel bosco, passeggiate, brevi escursioni in sicurezza, gite sui fiumi e al lago. Dopo due mesi il riscontro ottenuto da chi si è messo a disposizione per garantire questo spazio, innovativo ma allo stesso tempo fondato sulla semplicità e sulla spontaneità dei gesti e delle interazioni tra adulti e bambini, è stato decisamente positivo. Il modo migliore per tornare alla vita di tutti giorni, anche se gradualmente e nel rispetto delle normative anti contagio, dopo il lungo isolamento.

“‘I Mazzetti di Maggio’ – svelano infine della Comunità Operosa attraverso il social network – sono dei piccoli rametti con numerose gemme da frutto ravvicinate ed una gemma da sull’apice: siamo convinti che le piccole gemme siano state ben nutrite e che tutto l’albero della nostra Comunità ne avrà beneficio, in attesa del lento maturare dei numerosi frutti“.

Vuoi lasciare un commento? | 0

Lascia un commento

"Luinonotizie.it è una testata giornalistica iscritta al Registro Stampa del tribunale di Varese al n. 5/2017 in data 29/6/2017"
P.IVA: 03433740127